logo-polimi
Loading...
Risorse bibliografiche
Risorsa bibliografica obbligatoria
Risorsa bibliografica facoltativa
Scheda Riassuntiva
Anno Accademico 2019/2020
Scuola Scuola di Architettura Urbanistica Ingegneria delle Costruzioni
Insegnamento 095748 - LABORATORIO DI PROGETTAZIONE ARCHITETTONICA 1
Docente Adami Andrea , Ferrari Massimo , Tinazzi Claudia
Cfu 16.00 Tipo insegnamento Laboratorio

Corso di Studi Codice Piano di Studio preventivamente approvato Da (compreso) A (escluso) Nome Sezione Insegnamento
Arc - Urb - Cost (1 liv.)(ord. 270) - MI (1094) PROGETTAZIONE DELL'ARCHITETTURAMNAMANFRIDAZZZZA095748 - LABORATORIO DI PROGETTAZIONE ARCHITETTONICA 1

Obiettivi dell'insegnamento

La forma didattica del laboratorio si caratterizza in termini di sperimentazione degli strumenti e delle tecniche del progetto di architettura maturate nei corsi.

Il Laboratorio di progettazione architettonica 1 ha, infatti, l’obiettivo di introdurre gradualmente lo studente alla complessità del progetto mettendone a fuoco i fondamenti e le conoscenze teoriche, analitiche e strumentali, necessarie. Nel laboratorio lo studente si applica a esercizi compositivi e progettuali di base attraverso lo strumento della sua rappresentazione e della sua realizzazione attraverso la costruzione di modelli nelle scale necessarie.

Nel corso dell’anno vengono svolti differenti esercizi riguardanti inizialmente la lettura, l’interpretazione e la rappresentazione di architetture significative e, successivamente, lo sviluppo del progetto vero e proprio applicato a temi con contenuti funzionali semplici attraverso cui sia possibile affrontare anche la questione delle relazioni che il progetto necessariamente instaura con il luogo, la questione della destinazione d’uso e i temi della costruzione e della scelta dei materiali.


Risultati di apprendimento attesi

Il laboratorio garantisce allo studente l’acquisizione di capacità teoriche, analitiche e progettuali di base applicate a esercizi propedeutici e a un progetto conclusivo. La frequenza alle lezioni e lo studio della bibliografia rappresenta momento essenziale per il conseguimento di una capacità di giudizio e controllo della composizione.

I risultati attesi sono: conoscenza e comprensione degli strumenti di lettura e interpretazione dell’architettura attraverso lo studio, il ridisegno interpretativo e la costruzione di modelli; conoscenza e comprensione del ridisegno come strumento di conoscenza; conoscenza e comprensione delle regole della composizione architettonica; conoscenza e comprensione degli elementi che caratterizzano il rapporto dell’architettura con il luogo e lo spazio.


Argomenti trattati

Obbiettivi generali

Argomento centrale del corso è la definizione del progetto d’architettura come sintesi di un percorso di conoscenza, interpretazione e rappresentazione della realtà. La consapevolezza della necessità di una teoria, di una visione generale che possa essere condivisa, di un metodo trasmissibile, di una prassi di analisi e di studio, di una verifica dell’adeguatezza dei risultati, guida il percorso progettuale attraverso continui approfondimenti, confronti con modelli conosciuti e possibilità di nuove interpretazioni attraverso il progetto.

Il confronto e la verifica sono i due termini entro i quali il progetto procede nella sua definizione in un processo che trae ragioni dalla conoscenza del tema che affronta e che ne spinge l’interpretazione verso nuovi caratteri di condivisione e adeguatezza.

Lo studio degli esempi, la loro conoscenza, evidenzia le relazioni e il rapporto complesso nella storia passata con il tema, con la tipologia, con la costruzione, nella definizione di un valore che sempre determina la qualità del caso di studio. La critica come strumento della verifica guida ogni scelta, nella costante precisazione degli obiettivi e nella ricerca di una significante corrispondenza tra l’idea e la sua rappresentazione.

 

Contenuti dell’insegnamento

Il Laboratorio sceglie come tema di lavoro da svolgere durante l’anno l’edificio scolastico a partire dalla definizione dell’aula scolastica nella sua accezione contemporanea. Il dibattito attuale sul tema proposto pone l’accento –infatti– sulla possibilità di sviluppare lo spazio dell’apprendere a partire dai cambiamenti sociali e tecnologici che pur radicandosi ad un’idea precisa di insegnamento necessitano di una ridefinizione condivisa dalle diverse discipline che concorrono alla qualità del mondo educativo e pedagogico.

Lo studente sarà quindi chiamato a confrontarsi con un tema già conosciuto e percepito nella sua esperienza scolastica appena trascorsa, iniziando a comprendere in modo più familiare il percorso disciplinare riferito alla composizione dello spazio.

L’aula scolastica quindi come unità minima della scuola diventerà il primo esercizio di avvicinamento alla composizione e sarà l’occasione per introdurre la necessaria componente multidisciplinare, insita in qualsiasi progetto di architettura.

Nella prima parte dell’anno, in stretta relazione con le integrazioni di Progettazione architettonica e di Tecniche della rappresentazione, il lavoro verrà integrato dallo studio e l’analisi di alcuni edifici emblematici legati al tema scolastico scelti tra le architetture del novecento, italiane e straniere, per il loro carattere esemplare. L’individuazione di alcuni luoghi stretti tra Lombardia, Emilia Romagna e Veneto come aree di progetto partirà da casi concreti in cui è già manifesta la necessità di definizione di nuovi spazi per l’apprendimento e permetterà di affrontare durante l’anno un primo approcio all’analisi urbana.

Particolare attenzione durante l’anno verrà data alla lettura di libri teorici, organizzati secondo una bibliografia ragionata, disciplinare e non, che diventerà patrimonio comune del laboratorio e che permetterà il confronto consapevole durante i seminari di approfondimento dei diversi temi trattati.


Prerequisiti
 

Modalità di valutazione

La valutazione finale consisterà nella discussione sui contenuti del laboratorio (lezioni, seminari, esercitazioni) e sulla verifica dell'esercizio progettuale proposto secondo gli approfondimenti richiesti delle tre discipline afferenti al laboratorio


Bibliografia
Risorsa bibliografica obbligatoriaLe Corbusier, Verso un'architettura, Editore: Longanesi, Anno edizione: 2003
Note:

prima edizione in lingua originale 1923

Risorsa bibliografica obbligatoriaAdolf Loos, Parole nel vuoto, Editore: Adelphi, Anno edizione: 1972
Risorsa bibliografica obbligatoriaHeinrich Tessenow, Osservazioni elementari sul costruire, Editore: Franco Angeli Editore, Anno edizione: 1974
Risorsa bibliografica obbligatoriaAldo Rossi, L'architettura della città, Editore: Quodlibet, Anno edizione: 2011
Note:

prima edizione Marsilio, 1966

Risorsa bibliografica obbligatoriaErnesto N. Rogers, Il senso della storia, continuita' e discontinuita', Editore: Unicopli, Anno edizione: 1999
Risorsa bibliografica obbligatoriaSerena Maffioletti (a cura di), Il pentagramma di Rogers. Lezioni universitarie di Ernesto N. Rogers, Editore: Il Poligrafo, Anno edizione: 2009
Risorsa bibliografica obbligatoriaMassimo Ferrari, Di ogni ordine e grado. L'architettura della Scuola, Editore: Rubettino Editore, Anno edizione: 2015
Risorsa bibliografica obbligatoriaMario Lodi, Cominciare dal bambino. Scritti didattici, pedagogici e teorici, Editore: Einaudi, Anno edizione: 1977
Risorsa bibliografica obbligatoriaBruno Munari, Da cosa nasce cosa. Appunti per una metodologia progettuale, Editore: Laterza, Anno edizione: 2010
Note:

prima edizione 1981


Forme didattiche
Tipo Forma Didattica Ore di attività svolte in aula
(hh:mm)
Ore di studio autonome
(hh:mm)
Lezione
58:00
62:50
Esercitazione
38:00
41:10
Laboratorio Informatico
0:00
0:00
Laboratorio Sperimentale
0:00
0:00
Laboratorio Di Progetto
96:00
104:00
Totale 192:00 208:00

Informazioni in lingua inglese a supporto dell'internazionalizzazione
Insegnamento erogato in lingua Italiano
Disponibilità di libri di testo/bibliografia in lingua inglese
Possibilità di sostenere l'esame in lingua inglese

Note Docente
schedaincarico v. 1.6.5 / 1.6.5
Area Servizi ICT
23/04/2021