logo-polimi
Loading...
Risorse bibliografiche
Risorsa bibliografica obbligatoria
Risorsa bibliografica facoltativa
Scheda Riassuntiva
Anno Accademico 2019/2020
Scuola Scuola di Architettura Urbanistica Ingegneria delle Costruzioni
Insegnamento 097304 - LABORATORIO DI PROGETTAZIONE ARCHITETTONICA 2
Docente Clementi Matteo , Invernizzi Ermes , Quaglini Virginio
Cfu 16.00 Tipo insegnamento Laboratorio

Corso di Studi Codice Piano di Studio preventivamente approvato Da (compreso) A (escluso) Nome Sezione Insegnamento
Arc - Urb - Cost (1 liv.)(ord. 270) - MI (1094) PROGETTAZIONE DELL'ARCHITETTURAMIAAZZZZH097304 - LABORATORIO DI PROGETTAZIONE ARCHITETTONICA 2

Obiettivi dell'insegnamento

La forma didattica del laboratorio consente di mettere alla prova la capacità dello studente nell’applicare a temi concreti le conoscenze maturate all'interno degli insegnamenti.

Il Laboratorio di progettazione architettonica 2 propone un consolidamento delle conoscenze di base rafforzandone i fondamenti teorici e tecnici e dedicando particolare attenzione alle questioni dei rapporti che la progettazione deve costruire tra luoghi, forme, tipologie, tecniche costruttive e strutture. Il progetto si applica a organismi architettonici di media complessità, inseriti in specifici e caratteristici contesti urbani. I molteplici apporti interni al Laboratorio strutturano la complessità dell’esperienza progettuale evidenziando la necessità di porre relazioni articolate tra i diversi ambiti disciplinari presenti e i relativi livelli scalari edilizi e urbani, l’obiettivo è l’acquisizione della capacità di controllo del progetto, nella relazione tra oggetto architettonico e contesto urbano, tra forma e costruzione, tra caratteri tipologici e forme d’uso dello spazio abitato.


Risultati di apprendimento attesi

In un percorso scalare di approfondimento delle tematiche progettuali e di difficoltà di volta in volta crescenti, attraverso l’esperienza del Laboratorio lo studente acquisisce le capacità per affrontare il progetto come insieme complesso di contenuti formali (tipo-morfologici), ragioni d’uso (programma, destinazioni d’uso), componenti costruttive (tecniche, materiali), approfondendo in particolare i temi della composizione e della tipologia dell’architettura nella sua relazione con lo spazio e i caratteri della città. Inoltre, attraverso l'attività progettuale, apprende la capacità di gestire relazioni articolate tra i diversi ambiti coinvolti nel progetto e i relativi livelli scalari edilizi e urbani, comprendendo i concetti fondamentali dell’equilibrio, conoscendo le più comuni tipologie strutturali e il nesso “qualitativo” tra configurazioni tipologico-formali, tipologie strutturali e tecnologie costruttive.


Argomenti trattati

Il laboratorio introdurrà lo studente al tema "economia circolare come strumento di rigenerazione urbana e innovazione sociale" attraverso tre esercitazioni progettuali che presentano gradi di complessità differenti.

Nell'esercitazione n.1 "Modulo abitativo sul Pianeta Marte" è richiesto il progetto di un modello abitativo autosufficiente e sostenibile per coloro che vorranno/dovranno andare ad abitare sul pianeta Marte. Le soluzioni proposte dovranno basarsi sulle strategie che la NASA ha definito con gli acronimi ISFR (In Situ Fabrication and Repair) e ISRU (In Situ Resource Utilisation).

Nell'esercitazione n.2 "Politecnico" è richiesto il progetto di un "campus sostenibile" attento anche alla produzione di fonti di alimentazione sia per la specie Homo Sapiens che per quella Gallus Gallus. Il modello tridimensionale sarà il principale strumento che verrà utilizzato sia nelle varie fasi di lavoro, ricerca e sviluppo progettuale sia nella rappresentazione e narrazione del pensiero.

Nell'esercitazione n.3 "Abitare Chiaravalle" (inserita all'interno dell'iniziativa "riformare le periferie di Milano") è richiesto un progetto in cui si sperimenteranno soluzioni basate su strategie di economia circolare finalizzate alla rigenerazione urbana e all'innovazione sociale. Le soluzioni progettuali saranno sviluppate alle varie scale, da quella territoriale a quella del dettaglio architettonico (1:500; 1:200: 1:100; 1:50; 1:20). Verrano richiesti sia elaborati grafici che, oltre a a illustrare lo studio e l'analisi del contesto, espliciteranno le trasformazioni ipotizzate, sia modelli tridimensionali di lavoro e di rappresentazione delle soluzioni adottate.

Tutta l’attività di Laboratorio, articolata in lezioni ex-cathedra e attività applicative in aula, richiederà frequenza assidua e continuativa.

Il laboratorio di progettazione architettonica 2 prevede che i moduli di composizione architettonica e urbana, di strutture e di tecnologia dell'architettura collaborino in modo integrato nelle esercitazioni progettuali proposte.

L'apporto del modulo di "strutture" offre la possibilità di comprendere il ruolo che le strutture possono assumere all'interno della progettazione architettonica. Esso fornisce alcuni strumenti per capire meglio il rapporto forma-struttura e per compiere scelte tipologiche-costruttive con maggior consapevolezza a partire da opportune valutazioni dimensionali. Tra i principali aspetti che saranno trattati nel modulo strutture ci saranno i principi della concezione strutturale; l’analisi di progetti e costruzioni esistenti per esemplificare l’analisi dei carichi e la ricerca di schemi strutturali; l’analisi delle sollecitazioni negli elementi principali del progetto tramite schemi strutturali semplificati, lavorando con equilibrio e diagrammi delle azioni interne appresi nel parallelo corso di statica; la rappresentazione grafica del progetto delle strutture. Saranno inoltre presentati esempi pratici di predimensionamento di elementi strutturali.

L'apporto del modulo di "tecnologia" nasce da una visione olistica profondamente radicata nei principi della progettazione sostenibile. Durante il corso sono presentati e sperimentati strumenti di supporto alla progettazione orientati ad una valutazione quantitativa della sostenibilità dei progetti in tutte le fasi del processo edilizio, dalla produzione dei materiali, alla fase d'uso e dismissione dell'edificio. L'attività progettuale viene affiancata da database per il controllo degli impatti ambientali dei materiali utilizzati, da software per il calcolo dei consumi energetici e da altri strumenti di supporto alla progettazione bioclimatica.


Prerequisiti

La successione della frequenza degli insegnamenti nel percorso formativo e l’ordine di verbalizzazione dei relativi esami deve seguire le precedenze indicate nel Regolamento del Corso di Studio.


Modalità di valutazione

Le verifiche e le valutazione degli apprendimenti saranno condotte in modo costante e sistematico durante le varie attività di laboratorio.

Esse prevederanno il coinvolgimento diretto dei frequentanti. Esercitazioni, prove in itinere, ridisegni, ex tempore su specifici temi, prove bibliografiche e sulle parti teoriche del labotarorio prevedono percorsi condivisi di costruzione della modalità valutativa. 

All'inizio di ogni esercitazione verrano esplicitati/concordati gli specifici obiettivi didattici, gli strumenti e i criteri di riuscita e i criteri di valutazione, affinchè, attraverso un processo di valutazione partecipato, si possa acquisire una maggiore consapevolezza delle proprie capacità e competenze nell'affrontare la progettazione architettonica.

 


Bibliografia
Risorsa bibliografica obbligatoriaBenevolo, Leonardo e Albrecht, Benno, Le origini dell'architettura, Editore: Laterza, Anno edizione: 2002, ISBN: 9788842066675
Risorsa bibliografica obbligatoriaButera, Federico M., Dalla caverna alla casa ecologica Storia del comfort e dell'energia, Editore: Edizioni Ambiente, Anno edizione: 2014, ISBN: 9788866271239
Risorsa bibliografica obbligatoriaFriedman, Yona, L'architettura di sopravvivenza. Una filosofia della povertà, Editore: Bollati Boringhieri, Anno edizione: 2009, ISBN: 8833920119
Risorsa bibliografica obbligatoriaHarari, Yuval Noah, Da animali a dèi. Breve storia dell'umanità, Editore: Bompiani, Anno edizione: 2015, ISBN: 9788845296499
Risorsa bibliografica obbligatoriaHertzberger, Herman, Lezioni di architettura, Editore: Laterza, Anno edizione: 1996, ISBN: 8842048186
Risorsa bibliografica obbligatoriaPauli, Gunter, Economia in 3D, Editore: Edizioni Ambiente, Anno edizione: 2017, ISBN: 9788866272144
Risorsa bibliografica obbligatoriaVacchini, Livio, Capolavori. 12 architetture fondamentali di tutti i tempi, Editore: Allemandi, Anno edizione: 2007, ISBN: 8842215333
Risorsa bibliografica obbligatoriaZumthor, Peter, Pensare architettura, Editore: Electa, Anno edizione: 2007, ISBN: 978837021399
Risorsa bibliografica facoltativaMurray, R, Grice, J. C., Mulgan, G., Il libro bianco sull'innovazione sociale, Editore: Societing.org e The Young Foudation, Anno edizione: 2014
Risorsa bibliografica facoltativaRogers, Ernesto N., Esperienza dell'architettura, Editore: Skira, Anno edizione: 1997, ISBN: 9788881181476

Forme didattiche
Tipo Forma Didattica Ore di attività svolte in aula
(hh:mm)
Ore di studio autonome
(hh:mm)
Lezione
58:00
62:50
Esercitazione
38:00
41:10
Laboratorio Informatico
0:00
0:00
Laboratorio Sperimentale
0:00
0:00
Laboratorio Di Progetto
96:00
104:00
Totale 192:00 208:00

Informazioni in lingua inglese a supporto dell'internazionalizzazione
Insegnamento erogato in lingua Italiano
Possibilità di sostenere l'esame in lingua inglese

Note Docente
schedaincarico v. 1.6.6 / 1.6.6
Area Servizi ICT
02/08/2021