logo-polimi
Loading...
Risorse bibliografiche
Risorsa bibliografica obbligatoria
Risorsa bibliografica facoltativa
Scheda Riassuntiva
Anno Accademico 2019/2020
Scuola Scuola di Architettura Urbanistica Ingegneria delle Costruzioni
Insegnamento 094900 - INTERNI TRA PERMANENZA E TEMPORANEITÀ
Docente Boidi Sergio
Cfu 4.00 Tipo insegnamento Monodisciplinare

Corso di Studi Codice Piano di Studio preventivamente approvato Da (compreso) A (escluso) Nome Sezione Insegnamento
Arc - Urb - Cost (1 liv.)(ord. 270) - MI (1094) PROGETTAZIONE DELL'ARCHITETTURAMNAAZZZZ094900 - INTERNI TRA PERMANENZA E TEMPORANEITÀ

Obiettivi dell'insegnamento

Il problema della permanenza e della temporaneità introduce la variabile tempo nello spazio architettonico. Tempo significa mutazione, ma anche conferma delle peculiarità dello spazio architettonico. Significa anche che, pur seguendo rigide regole di composizione, tese a distinguere funzionalmente e figurativamente l'interno dall'esterno, lo spazio architettonico che ne deriva è sempre una parte del tutto, ossia ha sempre un valore unitario rispetto all'insieme.

Uno degli scopi del corso consiste quindi nell'affermare l'ambivalenza tra interno ed esterno, superando la distinzione accademica che è stata introdotta tra i due ambiti spaziali e che è diventata motivo, il più delle volte, di ambiguità rispetto alla fenomenologia architettonica nel suo complesso. Va invece sottolineato il carattere coeso dell'esperienza spaziale, che vede l'interno e l'esterno agire congiuntamente in funzione di un risultato sia attitudinale che formale. A questo punto, sono le definizioni abituali di interno e di esterno a risultare limitative, compensate soltanto dall'introduzione di meccanismi ambivalenti in base ai quali un interno è l'esterno di un interno più grande e così via, secondo una progressione che va dalla stanza alla città.

E' convinzione comune che la variabile temporale riguardi soprattutto il carattere mutevole dello spazio interno e la sua adattabilità a situazioni diverse. Tra gli obiettivo del corso vi è pertanto quello di contrastare tale convinzione recuperando l'unitarietà del fenomeno architettonico, a partire dalla qualità dello spazio interno per arrivare ai molteplici usi possibili, permanenti o temporanei.

Questo risultato può essere perseguito tanto sul piano teorico quanto su quello progettuale. Il che significa che la dimensione conoscitiva del progetto non è secondaria alla definizione teorica dell'intera questione. il progetto è perciò uno degli strumenti che saranno messi in atto nel corso, accanto ai contributi conoscitivi offerti attraverso lezioni e ricerche.


Risultati di apprendimento attesi

Il corso si prefigge di articolare un percorso di conoscenza che va dalla teoria al progetto. La fase teorica e quella progettuale procedono su piani diversi, ma si avvalgono degli stessi elementi conoscitivi. Perseguono il medesimo scopo di sondare le possibilità esplicative del concetto di "permanenza e temporaneità" in contesti differenti.

La metodologia di intervento porta ad assumere come punto di partenza la Camera degli Sposi di Andrea Mantegna. La Camera è resa oggetto di attenzioni progettuali volte a sfruttarne la qualità tridimensionale. Viene quindi trattata nella duplice veste di spazio interno e di volume esterno, di luogo ospitante e di soggetto ospitato. I contesti saranno individuati nella città di Mantova e consentiranno di mettere a confronto il carattere permanente dell'opera pittorica con la sua variabilità segnica. Ne risulta esaltata la natura teatrale del tema, che si apre a possibilità plurime di interpretazione, secondo una concezione estensiva dei principi di permanenza e di temporaneità.

E' prevista la realizzazione di modelli in scala.


Argomenti trattati

Tra gli argomenti trattati, si sottolineano i seguenti:

a) Il rapporto interno/esterno nell'architettura di Leon Battista Alberti.

b) La tradizione teatrale dall'antichità alla contemporaneità.

c) L'architettura come eterno presente.

d) L'architettura dell'interno come matrice dell'architettura moderna.

e) Le variazioni della forma come ricerca espressiva.


Prerequisiti

Il corso si rivolge a studenti in possesso di una buona conoscenza della storia dell'architettura, in grado di svolgere ricerche su temi di architettura.

Gli studenti devono avere sviluppato la capacità di gestire progetti di architettura e di realizzare modelli in scala.

E' richiesto il disegno a mano libera e l'uso programmi di rappresentazione grafica a computer.


Modalità di valutazione

Durante il corso saranno assegnate ricerche su argomenti attinenti alla didattica, da realizzarsi sotto forma di tesine da esporre pubblicamente.

La valutazione delle tesine concorrerà a formare il giudizio finale.

L'esame finale consisterà nella discussione degli argomenti trattati durante il corso e del progetto redatto.

 

N.B.: Sebbene il corso non preveda la frequenza obbligatoria, è vivamente consigliata la presenza alle lezioni.


Bibliografia
Risorsa bibliografica obbligatoriaSergio Boidi, Progettare accanto al Moderno, Editore: Action Group, Anno edizione: 2011, ISBN: 9788890013003
Note:

pag. 78-109

Risorsa bibliografica obbligatoriaSergio Boidi, Monza Progetto Parco, Editore: Maggioli, Anno edizione: 2016, ISBN: 9788891612342
Note:

pag. 105-153

Risorsa bibliografica obbligatoriaGiorgio Grassi, Leon Battista Alberti e l'architettura romana, Editore: Franco Angeli, Anno edizione: 2007, ISBN: 9788846483843
Risorsa bibliografica obbligatoriaRenato De Fusco, Che cos'è la critica in sé e quella dell'architettura, Editore: Mimesis, Anno edizione: 2013, ISBN: 9788857516721
Risorsa bibliografica obbligatoriaSigfried Giedion, Spazio, Tempo ed Architettura, Editore: Ulrico Hoepli, Anno edizione: 1987, ISBN: 8820306824

Forme didattiche
Tipo Forma Didattica Ore di attività svolte in aula
(hh:mm)
Ore di studio autonome
(hh:mm)
Lezione
30:00
45:00
Esercitazione
10:00
15:00
Laboratorio Informatico
0:00
0:00
Laboratorio Sperimentale
0:00
0:00
Laboratorio Di Progetto
0:00
0:00
Totale 40:00 60:00

Informazioni in lingua inglese a supporto dell'internazionalizzazione
Insegnamento erogato in lingua Italiano
schedaincarico v. 1.6.5 / 1.6.5
Area Servizi ICT
22/04/2021