logo-polimi
Loading...
Risorse bibliografiche
Risorsa bibliografica obbligatoria
Risorsa bibliografica facoltativa
Scheda Riassuntiva
Anno Accademico 2019/2020
Scuola Scuola di Architettura Urbanistica Ingegneria delle Costruzioni
Insegnamento 097361 - STORIA DELL'ARCHITETTURA 2
Docente Capitanucci Maria Vittoria
Cfu 8.00 Tipo insegnamento Monodisciplinare

Corso di Studi Codice Piano di Studio preventivamente approvato Da (compreso) A (escluso) Nome Sezione Insegnamento
Arc - Urb - Cost (1 liv.)(ord. 270) - MI (1094) PROGETTAZIONE DELL'ARCHITETTURAPCAAZZZZ097361 - STORIA DELL'ARCHITETTURA 2

Obiettivi dell'insegnamento

Il Corso affronta i temi fondamentali del dibattito architettonico e le architetture più significative del Secondo Novecento, dal 1945 ad oggi, ovvero dalla crisi del Moderno agli eterogenei indirizzi della cultura post-moderna. Particolare attenzione sarà posta anche ai prodromi della post-modernità architettonica (già alla fine anni Venti), sui quali la ricostruzione post-bellica e la società dei consumi innesteranno esigenze, valori e aspettative nuove.

Obiettivo fondamentale del corso è far maturare negli studenti, attraverso l'analisi critica di idee, eventi e opere, la consapevolezza del processo di formazione della cultura architettonica che ha alimentato e continua ad alimentare il dibattito disciplinare in corso, così da consentire loro di orizzontarsi con sicurezza fra i diversi indirizzi di ricerca e, quindi, di gettare criticamente le basi per la definizione del proprio personale orientamento progettuale.

Le ore delle esercitazioni saranno dedicate, oltre che ad alcuni seminari con specialisti esterni sullo stato dell'architettura contemporanea e lectures condotte da ospiti specializzati anche in discipline diverse dall’architettura ma ad essa attinenti o trasversalmente collegate. Previste anche a visite guidate all’esterno.

Prima dell'inizio delle lezioni si raccomanda, inoltre, di rinfrescare le conoscenze della storia socio-politica e culturale delle principali aree di elaborazione delle idee nel mondo della seconda metà del XX secolo (Europa, Americhe, Giappone).

 

Inoltre, oltre alla bibliografia indicata, per quanto riguarda le visite guidate ad una serie di edifici milanesi affrontati nel corso delle lezioni si fa riferimento alle pubblicazioni monografiche dedicate ai diversi protagonisti del panorama lombardo del dopoguerra a cui si aggiungono: Grandi/Pracchi, Milano, Laterza;  G. Gramigna, E. Mazza, Milano, Hoepli; F.Irace, Milano Moderna, Motta; MV Capitanucci Milano verso L’expo, Skira.


Risultati di apprendimento attesi

Lo studente è portato a conoscere e comprende: i principali capitoli della storia dell’architettura tra la fine del XVIII e la seconda metà del XX secolo; gli eventi, le principali opere, i protagonisti e i percorsi della cultura architettonica e dell’interpretazione storiografica del periodo contemporaneo; le relazioni tra progetto e contesti storici, architettura e tecnologia, ambiente urbano e paesaggio. Inoltre è portato a collocare i principali edifici studiati nell’ambito storico di riferimento utilizzando un lessico appropriato nella descrizione dei fenomeni architettonici e artistici, stabilendo un’appropriata relazione tra contesto storico, sistema costruttivo, tipologia e linguaggio architettonico valutando e interpretando dati e informazioni acquisite nella formulazione di un giudizio autonomo sulle espressioni architettoniche della contemporaneità.


Argomenti trattati

Il corso di Storia dell’architettura 2 affronta, in termini introduttivi e con approfondimenti relativi a particolari casi-studio significativi, alcuni dei principali capitoli della storia dell’architettura compresi tra fine XVIII e la seconda metà del XX secolo. Il corso verte ad indagare il concetto di modernita’ a partire dalle prime strutture ingegneristiche, tra fine settecento e primi ottocento, in ferro e vetro passando da Paxton e il Cristal Palace fino a giungere alla seconda guerra mondiale. I grandi movimenti dei primi del Novecento, i protorazionalisti e gli esordi del Movimento Moderno con la Bauhaus. I maestri europei del moderno e gli statunitensi, gli anni del ventennio in italia fino a giungere agli esordi bellici e al secondo dopoguerra.

Fornisce le conoscenze basilari della materia in una chiave attenta alle problematiche del corso di studio, sollecitando l'approccio critico dello studente rispetto agli eventi, alle opere, ai protagonisti, ai fondamentali e variegati percorsi della cultura architettonica e dell’interpretazione storiografica del periodo contemporaneo. Le lezioni sottolineano l’articolazione e la trasformazione, nel periodo contemporaneo, delle relazioni tra progetto e vicende storiche, architettura e tecnologia, ambiente urbano e paesaggio. Prendendo le mosse dall'inquadramento generale delle problematiche teoriche e delle prospettive progettuali delineatesi nel confronto con i nodi della Modernità, tra Ottocento e Novecento, il corso si sofferma in particolare su alcuni dei più significativi passaggi della cultura progettuale del Ventesimo secolo – italiana ed internazionale – spingendo lo sguardo sino al periodo immediatamente successivo alla fine del secondo conflitto mondiale.

Gli obiettivi formativi prevedono da una parte le conoscenze basilari dei principali movimenti, protagonisti e fasi della storia dell’architettura contemporanea in una chiave attenta alle problematiche del corso di studio. Dall’altra, allo studente è richiesto di valutare e interpretare dati e informazioni acquisiti al fine di produrre un giudizio autonomo, così da sollecitare un approccio critico rispetto agli eventi, alle opere, ai protagonisti, ai fondamentali e variegati percorsi della cultura architettonica e dell’interpretazione storiografica.

Il corso si basa, nella sua parte fondamentale, su lezioni ex-cathedra eventualmente integrate da interventi di carattere seminariale. Una parte del lavoro al quale è chiamato attivamente lo studente, basato sull'analisi di casi-studio significativi nel panorama dell'architettura della prima metà del ventesimo secolo, è rivolto a stimolare la lettura critica dei testi storiografici e l'approfondimento dei principali indirizzi interpretativi e dei riferimenti culturali sottesi, fornendo chiavi introduttive alla ricerca storica. Sono previste visite all'esterno, a mostre ed altre eventuali attività integrative.


Prerequisiti
 

Modalità di valutazione

L'esame si svolgerà in forma orale e mirerà  a valutare il grado di conoscenza e maturazione raggiunta dallo studente nella disciplina. I temi, sui quali verterà la prova, sono quelli contenuti nei seguenti testi di studio:

1)  un manuale (a scelta dello studente tra quelli consigliati) di storia dell'architettura contemporanea dal secondo dopoguerra a oggi (oltre, naturalmente, al volume di K. Frampton o di W. Curtis)

2)  Il dopoguerra milanese, rappresenta un focus del corso, una serie di edifici da conoscere e di cui schizzare elementi caratteristici. Vanno approfonditi nei volumi indicati a lezione o nelle monografie dedicate agli architetti autori e al contesto.

Per i non frequentanti: Si richiede un approfondimento di almeno un edificio a Milano degli architetti BBPR, Caccia Dominioni, Gardella, Magistretti, Asnago Vender

3)  i temi trattati durante i seminari, le uscite e lectures.

Per i non frequentanti: questo punto non è richiesto

e’ comunque prevista anche una prova scritta a 3/4 del corso.


Bibliografia
Risorsa bibliografica obbligatoriaWilliam J. Curtis, L'architettura moderna del 1900, Editore: Phaidon, Anno edizione: 2006, ISBN: 0714898627
Note:

capitoli dal secondo dopoguerra in poi

Risorsa bibliografica obbligatoriaKenneth Frampton, Storia dell'architettura moderna, Editore: Zanichelli, Anno edizione: 2008, ISBN: 9788808164629
Risorsa bibliografica obbligatoriaManfredo Tafuri, Teoria e Storia dell'architettura, Editore: Laterza, ISBN: 8842027006
Risorsa bibliografica facoltativaGiulia Veronesi, Difficoltà politiche dell'architettura in Italia 1920-1940., Editore: Marinotti, Anno edizione: 2008, ISBN: 978-8882730840

Forme didattiche
Tipo Forma Didattica Ore di attività svolte in aula
(hh:mm)
Ore di studio autonome
(hh:mm)
Lezione
60:00
90:00
Esercitazione
20:00
30:00
Laboratorio Informatico
0:00
0:00
Laboratorio Sperimentale
0:00
0:00
Laboratorio Di Progetto
0:00
0:00
Totale 80:00 120:00

Informazioni in lingua inglese a supporto dell'internazionalizzazione
Insegnamento erogato in lingua Italiano

Note Docente
Le ore di esercitazioni saranno dedicate a seminari che vedino la partecipazione di specialisti italiani ed internazionali.
schedaincarico v. 1.6.5 / 1.6.5
Area Servizi ICT
23/04/2021