logo-polimi
Loading...
Risorse bibliografiche
Risorsa bibliografica obbligatoria
Risorsa bibliografica facoltativa
Scheda Riassuntiva
Anno Accademico 2018/2019
Scuola Scuola di Architettura Urbanistica Ingegneria delle Costruzioni
Insegnamento 051719 - STORIA E TEORIE DELL'ARCHITETTURA CONTEMPORANEA
Docente Biraghi Marco Stefano
Cfu 6.00 Tipo insegnamento Monodisciplinare

Corso di Studi Codice Piano di Studio preventivamente approvato Da (compreso) A (escluso) Nome Sezione Insegnamento
Arc - Urb - Cost (Mag.)(ord. 270) - MI (1136) ARCHITETTURAA12AZZZZ051719 - STORIA E TEORIE DELL'ARCHITETTURA CONTEMPORANEA
C15AZZZZ051719 - STORIA E TEORIE DELL'ARCHITETTURA CONTEMPORANEA
D12AZZZZ051719 - STORIA E TEORIE DELL'ARCHITETTURA CONTEMPORANEA
T12AZZZZ051719 - STORIA E TEORIE DELL'ARCHITETTURA CONTEMPORANEA
Arc - Urb - Cost (Mag.)(ord. 270) - MI (1195) ARCHITETTURA - AMBIENTE COSTRUITO - INTERNI - ARCHITECTURE - BUILT ENVIRONMENT - INTERIORSAC2AZZZZ051719 - STORIA E TEORIE DELL'ARCHITETTURA CONTEMPORANEA
ACIAZZZZ051719 - STORIA E TEORIE DELL'ARCHITETTURA CONTEMPORANEA

Obiettivi dell'insegnamento

L'insegnamento si propone di approfondire le problematiche relative alla storia dell'architettura e della città - e alle teorie a esse collegate - dal secondo dopoguerra al primo decennio del XXI secolo. Il corso intende soffermarsi in particolare sugli autori, sulle opere e sui contesti urbani più significativi della cultura occidentale (europea e statunitense) e orientale (asiatica), giungendo fino alla più stretta contemporaneità. Durante le lezioni saranno presentate le metodologie di lettura dell'opera architettonica e del progetto urbanistico, mettendo in luce la pluralità delle interpretazioni e la mutazione delle relazioni e delle prospettive istituite, nel periodo contemporaneo, tra progetto e storia, tra architettura e trasformazione della città. L'obiettivo è quello di avviare lo studente alla lettura critica delle architetture e dei testi, in relazione alle principali scuole interpretative e all'inquadramento dei principali sviluppi della storia dell'architettura. Il corso si articola in lezioni ex cathedra, esercitazioni, visite, eventuali prove in itinere. In termini di competenze, i risultati attesi dal corso consistono innanzitutto nell'apprendimento e nella conoscenza della storia dell'architettura contemporanea, in particolar modo nei suoi sviluppi più recenti, dal secondo dopoguerra ai giorni nostri, ivi comprese le più significative teorie ad essa collegate. In termini di capacità, invece, il corso intende attivare nello studente una consapevolezza critica in grado di produrre un giudizio autonomo relativamente ad autori, opere, contesti urbani, teorie dell'architettura e metodologie storiche.


Risultati di apprendimento attesi

Secondo i Descrittori di Dublino (DdD), il superamento dell’esame attesta l'acquisizione dei seguenti risultati:

DdD 1, conoscenza e comprensione:

- conoscenza e comprensione degli aspetti più rilevanti del dibattito culturale e della produzione architettonica contemporanea.

 

DdD 2, capacità di applicare conoscenza e comprensione:

- capacità di interpretazione e lettura storico-critica del progetto di architettura e dei fenomeni culturali della contemporaneità.

 

DdD 3 (autonomia di giudizio), 4 (abilità comunicative) e 5 (capacità di apprendimento):

- capacità di interpretare e comunicare in modo chiaro, e con autonomia di giudizio, le tematiche dell'architettura contemporanea (DdD 3 e 4).

 

 


Argomenti trattati

A fronte di una condizione come quella attuale in cui assistiamo a fenomeni tra di loro fortemente contrastanti quali la crescita sempre più impetuosa di conglomerati urbani caratterizzati da un alto tasso di concentrazione di edifici e d’investimento di capitali, da un lato, e l’esodo di enormi masse umane in fuga da guerre e povertà, dall’altro, la disciplina della storia dell’architettura contemporanea deve abbandonare una posizione puramente accademica e speculativa e impegnarsi a studiare tali questioni. A partire dalla rimessa in discussione del proprio stesso campo di studi pressoché “naturale”: l’Occidente. Il concetto di “Occidente” (e quello ad esso speculare di “Oriente”), insieme a quelli di “Internazionale”, “Mondiale”, “Universale” “Globale”, lungi dal rappresentare mere indicazioni geografiche o spaziali, vanno compresi e analizzati nel loro carattere profondamente ideologico, come portatori di deformazioni e di imposizioni di “un” senso. E lo stesso si può dire delle rappresentazioni cartografiche, vere e proprie proiezioni di un ben determinato senso del mondo.

Prendendo le mosse da questi presupposti, il corso intende esplorare gli effetti che fenomeni storici come il capitalismo e il colonialismo hanno avuto sull’intero pianeta, innanzitutto sotto un profilo economico e in secondo luogo da un punto di vista sociale, fornendo modelli e stili di vita, e come tutto questo si sia ripercosso sull’architettura. Ma intende anche affrontare la storia dell’architettura di quei Paesi e di quelle aree geografiche che non appartengono al cosiddetto “Occidente”, dove sono sopravissuti o si sono sviluppati tecniche e linguaggi indipendenti da – o comunque alternativi a – quelli “occidentali”. Una storia dell’architettura del “resto del mondo”, ovvero dell’“altro” mondo rispetto ai consueti canoni eurocentrici e americanizzanti. Saranno analizzati in tal senso i contesti, le figure architettoniche di riferimento e le opere relativi all'India, alla Cina, al Giappone, al Sud-Est asiatico, al Centro e Sud America, alla Russia, al Golfo Persico, all’Africa e all’Australia.

 

Il corso si avvarrà del contributo di Pilar Maria Guerrieri, professore associato alla GD Goenka University di Gurugram (India), nonché di quello di altri storici dell'architettura ed esperti dei diversi contesti geografici e culturali che verranno via via trattati. Inoltre durante il corso verranno forniti materiali e indicazioni relative alla bibliografia utile per la preparazione dell’esame.


Prerequisiti

Nessun prerequisito.


Modalità di valutazione

L’esame consiste in un colloquio orale volto a verificare la conoscenza dei temi oggetto del corso, trattati sia durante le lezioni che illustrati nei testi indicati in bibliografia, attraverso domande volte a evidenziare la capacità dello studente di elaborare collegamenti fra i vari argomenti del corso e con gli insegnamenti precedenti. Ai fini della valutazione complessiva si terrà conto anche di eventuali prove in itinere e dell’eventuale esercitazione svolta nell’ambito dello stesso corso.

Per i non frequentanti la preparazione dell'esame va effettuata mediante lo studio dei testi indicati nella bibliografia.


Bibliografia
Risorsa bibliografica obbligatoriaMarco Biraghi, Storia dell'architettura contemporanea 1945-2008, Editore: Einaudi, Anno edizione: 2008
Risorsa bibliografica facoltativaWilliam Curtis, L'architettura moderna dal 1900 , Editore: Phaidon, Anno edizione: 2006
Risorsa bibliografica facoltativaElie G Haddad, David Rifkind, A Critical History of Contemporary Architecture: 1960-2010, Editore: Ashgate, Anno edizione: 2014
Risorsa bibliografica facoltativaPilar Maria Guerrieri, Negotiating Cultures: Delhi Architecture and Planning from 1912 to 1962, Editore: Oxford University Press, Anno edizione: 2018

Forme didattiche
Tipo Forma Didattica Ore di attività svolte in aula
(hh:mm)
Ore di studio autonome
(hh:mm)
Lezione
45:00
67:30
Esercitazione
15:00
22:30
Laboratorio Informatico
0:00
0:00
Laboratorio Sperimentale
0:00
0:00
Laboratorio Di Progetto
0:00
0:00
Totale 60:00 90:00

Informazioni in lingua inglese a supporto dell'internazionalizzazione
Insegnamento erogato in lingua Italiano
Disponibilità di materiale didattico/slides in lingua inglese
Disponibilità di libri di testo/bibliografia in lingua inglese
Possibilità di sostenere l'esame in lingua inglese
Disponibilità di supporto didattico in lingua inglese
schedaincarico v. 1.6.5 / 1.6.5
Area Servizi ICT
15/04/2021