logo-polimi
Loading...
Risorse bibliografiche
Risorsa bibliografica obbligatoria
Risorsa bibliografica facoltativa
Scheda Riassuntiva
Anno Accademico 2018/2019
Scuola Scuola di Architettura Urbanistica Ingegneria delle Costruzioni
Insegnamento 051610 - LABORATORIO DI PROGETTAZIONE ARCHITETTONICA
Docente Bernasconi Edoardo Luigi Giulio , Bonfante Francesca , Cattaneo Sara
Cfu 14.00 Tipo insegnamento Laboratorio

Corso di Studi Codice Piano di Studio preventivamente approvato Da (compreso) A (escluso) Nome Sezione Insegnamento
Arc - Urb - Cost (Mag.)(ord. 270) - MI (1217) ARCHITETTURA E DISEGNO URBANO - ARCHITECTURE AND URBAN DESIGNADUAZZZZC051610 - LABORATORIO DI PROGETTAZIONE ARCHITETTONICA

Obiettivi dell'insegnamento

Il Laboratorio propone agli allievi un’esperienza complessa, nella quale convergono operativamente le diverse componenti del progetto di architettura: da quelle contestuali, alle quelle tipologiche e funzionali, a quelle costruttive, espressive e formali. Al centro è la dimensione conoscitiva dell’impegno progettuale nel rapporto con la realtà. A tale scopo gli allievi sono guidati: in primo luogo a conoscere e interpretare il contesto di applicazione del progetto, orientarsi nel dibattito intorno alle alternative di intervento tese a governare le trasformazioni insediative in atto, stabilire specifiche correlazioni fra architettura e struttura insediativa; in secondo luogo a compiere una ricerca sperimentale intorno a tipologie e figure, correlando fra loro composizione architettonica, progettazione architettonica e caratteristiche tecniche dei manufatti. 

L’insegnamento ha come obbiettivo il progetto di un organismo architettonico sviluppato alle diverse scale, dal disegno alla scala urbana fino a quello di dettaglio, controllandone il processo di definizione formale in rapporto alle tecniche e ai materiali adottati, e al programma funzionale.

Nell’ambito del progetto, viene affrontata la concezione del sistema strutturale in presenza di azioni sismiche, che acquisisce particolare interesse in quanto richiede di individuare un efficace sistema di controvento e di organizzare, in generale, un sistema resistente tridimensionale, con caratteristiche di regolarità in pianta e in elevazione.


Risultati di apprendimento attesi

Lo studente:

- conosce e comprende le tecniche e gli strumenti del progetto di architettura;

- conosce e comprende i principi dell’ingegneria strutturale sismica;

- è in grado di compiere un’impostazione critica a tutte le scale necessarie di un progetto di architettura con gradi avanzati di specializzazione e approfondimento;

- è in grado di compiere un’analisi critica dei luoghi e dei contesti nello stretto rapporto fra edificio e città, storia e gusto, tecnica e funzione dell’architettura;

- è in grado di elaborare soluzioni progettuali coerenti con il luogo e il contesto, anche in ambiti urbani complessi;

- è in grado di applicare i principi dell’ingegneria strutturale sismica nel progetto di architettura.


Argomenti trattati

Il Laboratorio propone agli allievi un’esperienza complessa, nella quale convergano operativamente le diverse componenti del progetto di architettura, inteso come sintesi fra arte e tecnica. Al centro è la dimensione conoscitiva dell’impegno progettuale nel rapporto con la realtà. A tale scopo gli allievi sono guidati: in primo luogo a conoscere e interpretare il contesto di applicazione del progetto e stabilire specifiche correlazioni fra architettura e struttura insediativa; in secondo luogo a compiere una ricerca sperimentale intorno a tipologie e figure, correlando fra loro composizione architettonica, progettazione architettonica e caratteristiche tecniche dei manufatti.  Il lavoro verrà condotto mettendo in stretta relazione gli apporti dei moduli di Composizione architettonica, Progettazione architettonica, Strutture e criteri di progettazione antisismica.

Il tema

Il Laboratorio propone come tema progettuale il rapporto fra sport, tempo libero e città, cogliendone il valore emblematico e potenzialmente sovversivo del tradizionale ciclo abitazione-tempo libero-lavoro-circolazione e perciò disponibile ad una forte innovazione sul piano tipologico e figurativo dell’architettura. Per approfondire il tema si metteranno a confronto esperienze concettualmente e territorialmente confrontabili, aggregandole per grandi categorie (“sperimentazioni sull’impianto urbano e il paesaggio”, “sperimentazioni sul congegno tipologico”, “sperimentazioni sulla contaminazione funzionale”, ecc.).

Il caso studio

Il Laboratorio aderisce al progetto didattico “Ri-formare periferie. Milano metropolitana” proposto dalla Scuola AUIC.

La zona prescelta è il quartiere Adriano, nell’area urbana del Nord Milano, da considerarsi in stretta relazione con l’insediamento di Crescenzago, lungo il naviglio della Martesana, e il comune di Sesto San Giovanni.

Il progetto viene inteso come sperimentazione dimostrativa di un organismo tipologico polifunzionale inserito in un contesto urbano consolidato, tale da rappresentare momento di sintesi tra la ricerca sulla tipologia in sé e le potenzialità di rigenerazione urbana tipiche delle strutture collettive per lo sport.

Struttura didattica

Il laboratorio si avvale di lezioni, comunicazioni relative ai casi studio e al lavoro operativo degli allievi, sopralluoghi, revisioni degli elaborati di analisi e di progetto, seminari aperti al contributo esperti esterni al Laboratorio.

Bibliografia

Indicazioni bibliografiche, oltre a quelle segnalate, verranno fornite nel corso del lavoro. 


Prerequisiti

Non sono previsti prerequisiti


Modalità di valutazione

La frequenza delle lezioni ex-cathedra, la partecipazione ai seminari e la presentazione e discussione degli elaborati sono obbligatori. Nel corso del Laboratorio verranno condotti seminari intermedi di discussione e valutazione dello stato di avanzamento.

L’esame (di gruppo o individuale) consiste nella valutazione del progetto e degli elaborati svolti durante l’anno. Inoltre

nella valutazione verranno presi in considerazione i seguenti indicatori: conoscenza e comprensione degli argomenti trattati, autonomia di giudizio, capacità comunicative.


Bibliografia
Risorsa bibliografica facoltativaAA.VV., Spazio della cultura e tempo libero di massa, Editore: Hinterland, Anno edizione: 1979, Fascicolo: n. 7-8
Risorsa bibliografica facoltativaa cura di Francesca Bonfante, Sabrina Greco, Mirko Mejetta, Teatralità e paesaggio nella città del lavoro, Editore: Maggioli, Anno edizione: 2008, ISBN: 9788838742553
Risorsa bibliografica facoltativaa cura di Federico Acuto, Francesca Bonfante, Sport, città e tempo libero. Un'ipotesi di lavoro, Editore: Maggioli, Anno edizione: 2011, ISBN: 9788838760985
Risorsa bibliografica facoltativaFrancesca Bonfante, Teatralità e figurazione per la città, Editore: Il Poligrafo, Anno edizione: 2015, ISBN: 9788871159256
Risorsa bibliografica facoltativaRaimondo Campanini, Edifici sportivi, Editore: Vallardi, Anno edizione: 1955
Risorsa bibliografica facoltativaIvo Chierici, I palazzi dello sport, Editore: Maestri Arti Grafiche, Anno edizione: 1960
Risorsa bibliografica facoltativaPasquale Carbonara, Edifici e impianti dello sport. Architettura pratica, volume quarto, tomo primo, Editore: Unione Tipografico-Editrice Torino, Anno edizione: 1962

Software utilizzato
Nessun software richiesto

Forme didattiche
Tipo Forma Didattica Ore di attività svolte in aula
(hh:mm)
Ore di studio autonome
(hh:mm)
Lezione
50:00
54:10
Esercitazione
34:00
36:49
Laboratorio Informatico
0:00
0:00
Laboratorio Sperimentale
0:00
0:00
Laboratorio Di Progetto
84:00
91:00
Totale 168:00 181:59

Informazioni in lingua inglese a supporto dell'internazionalizzazione
Insegnamento erogato in lingua Italiano

Note Docente
schedaincarico v. 1.6.9 / 1.6.9
Area Servizi ICT
19/10/2021