logo-polimi
Loading...
Risorse bibliografiche
Risorsa bibliografica obbligatoria
Risorsa bibliografica facoltativa
Scheda Riassuntiva
Anno Accademico 2018/2019
Scuola Scuola di Architettura Urbanistica Ingegneria delle Costruzioni
Insegnamento 091414 - LABORATORIO DI PROGETTAZIONE DEGLI INTERNI II
Docente Piga Barbara Ester Adele , Rizzi Roberto , Sabatinelli Stefania
Cfu 14.00 Tipo insegnamento Laboratorio

Corso di Studi Codice Piano di Studio preventivamente approvato Da (compreso) A (escluso) Nome Sezione Insegnamento
Arc - Urb - Cost (Mag.)(ord. 270) - MI (1136) ARCHITETTURAD12AZZZZA091414 - LABORATORIO DI PROGETTAZIONE DEGLI INTERNI II
I15AZZZZA099513 - ARCHITECTURE OF INTERIORS STUDIO 2

Obiettivi dell'insegnamento

L'insegnamento affronta il progetto di architettura dal punto di vista dello spazio interno. In quanto fenomeno fondativo, indipendente dalla scala alla quale si applica, il progetto si caratterizza per una peculiare attenzione ai suoi fruitori e ai loro gesti di relazione e di apertura agli altri e al mondo; viene colto e determinato come concreto corpo costruito, nella dinamica, verificata fino alla scala del dettaglio, fra i suoi margini edificati, la luce che lo anima, gli arredi che lo attrezzano, i materiali e gli elementi decorativi che lo qualificano. Il progetto mira a definire una precisa identità di ogni luogo, nella dialettica fra impianto spaziale, figurazione, dimensionamento, aspetti strutturali, controllo ambientale, prestazioni energetiche. Il laboratorio pone particolare attenzione al recupero del patrimonio edilizio e architettonico esistente, spesso fragile, interpretando i temi posti dell'abitare contemporaneo, da quelli della residenza a quelli di organismi complessi e multifunzionali per la cultura, i sistemi museali e il vivere sociale, fino a quelli della riqualificazione e attrezzatura degli spazi aperti. L'integrazione con le discipline della fisica tecnica consente la verifica del comfort microclimatico, negli spazi residenziali di nuova edificazione e nella riqualificazione di quelli esistenti, degli aspetti di illuminotecnica e acustica per i luoghi museali, espositivi, per la cultura e il commercio, in un'ottica di efficienza del manufatto e di risparmio energetico.


Risultati di apprendimento attesi

Secondo i Descrittori di Dublino (DdD), il superamento dell’esame attesta l'acquisizione dei seguenti risultati:

DdD 2, capacità di applicare conoscenza e comprensione:

- capacità di sviluppare, alla scala adeguata, il progetto dello spazio interno, dove l'attenzione alla dimensione umana dell'architettura si concretizza nella definizione degli aspetti materici e costruttivi, delle attrezzature d'arredo o dei sistemi espositivi;

DdD 3 (autonomia di giudizio), 4 (abilità comunicative) e 5 (capacità di apprendimento):

- capacità di operare e comunicare in autonomia le scelte progettuali effettuate (DdD 3, 4 e 5).


Argomenti trattati

Il laboratorio affronta il tema del progetto di architettura dal punto di vista dello Spazio Interno, inteso come luogo generato dal sistema dei gesti di relazione che intercorrono fra persone (singole, piccoli o grandi gruppi, ...) e fra le persone e le cose.

Vuole porsi come forma di conoscenza e di interpretazione di un frammento di spazio urbano, individuato nella sua concreta determinazione fisica, innervata dal sistema dei nessi che legano i soggetti in esso attivi.

Mira alla configurazione di un sistema di spazi attrezzati concretamente determinati nella loro costituzione materico-formale, capaci di accogliere e dare senso a necessità, aspirazioni e desideri espressi in modo compiuto o solo latenti, e in grado di assumere e valorizzare i contesti fisici con i quali si confronta.

Si configura come integrazione fra discipline capaci di mappare e interpretare le dinamiche di interazione fra soggetti sociali, economici, istituzionali e i territori nei quali agiscono (sociologia del territorio), di descrivere e rappresentare tali territori (rilievo e rappresentazione dell’architettura), di dare una configurazione materiale allo spazio, ai suoi margini e alla sue attrezzature che corrisponda al valore dei “gesti” di relazione che in esso si svolgono (architettura degli interni).

Si applicherà ai mercati coperti comunali della città di Milano.

Si tratta di luoghi di grande interesse, dal punto di vista dell’osservazione dei fenomeni sociali, della rappresentazione e della progettazione dei territori e dei manufatti, il cui ruolo è profondamente cambiato nel tempo, in parallelo al mutare della società e della città dal punto di vista demografico, sociale, economico, produttivo. Nati in passato con l’obiettivo pressoché esclusivo di consentire la vendita al dettaglio a prezzi calmierati di beni necessari, si trovano oggi al centro di dinamiche complesse e diversificate secondo il quartiere in cui sono localizzati. In alcuni casi si tratta di contesti caratterizzati dalla forte sofferenza del commercio di prossimità, anche a seguito del peggioramento delle condizioni reddituali dei residenti. In altri si tratta invece di quartieri interessati da dinamiche positive, sia commerciali, sia relative alla dimensione e al profilo dei residenti. Alcuni sono chiusi da tempo, alcuni gestiti da catene di supermercati, altri hanno mantenuto caratteri ordinari, altri ancora hanno vissuto recenti esperienze di ricollocazione e riqualificazione.

Il lavoro sarà organizzato in due fasi successive.

In una prima fase i mercati coperti verranno considerati come una rete unitaria e verranno mappati, attraverso vari tipi di prodotti, anche multimediali, come edifici collocati nei propri contesti.

In una seconda fase, gli studenti lavoreranno in gruppi su alcuni casi selezionati, diversi per localizzazione, stato dell’immobile, mix funzionale, tipo di affidamento, ecc. con l’obbiettivo di riconfigurarli integralmente.

Il lavoro verrà svolto in stretta relazione fra le discipline che concorrono all’attività didattica e le elaborazioni di volta in volta prodotte dal lavoro degli allievi (rilievi grafici e fotografici, mappe, interviste, grafici, testi, esempi di riferimento, disegni di progetto, modelli, …) verranno raccolte e condivise su una piattaforma multimediale e aperte al confronto con gli operatori e le istituzioni deputate alla gestione di queste strutture.

Il modulo di Sociologia Urbana guiderà gli allievi nella lettura dei mercati coperti nel contesto territoriale e sociale entro cui si collocano, analizzando le caratteristiche del quartiere, le specificità della popolazione, degli insediamenti residenziali, dei soggetti attivi sul territorio. Elementi in base ai quali immaginare nuovi mix funzionali, co-presenza di attività, interazione con le reti territoriali esistenti, al fine di orientare il ridisegno di questi spazi non in modo astratto, ma nel solco del vissuto e entro obiettivi specifici per ognuno di essi.

Si prevedono lezioni teoriche e discussioni aperte, a partire da una lista di letture che sarà condivisa, sul ruolo dei mercati nella vita sociale ed economica delle città, sulle relazioni che in essi e intorno a essi si sviluppano e sui mutamenti sociali, economici e demografici che possono influire sull’identità di tali realtà. Agli studenti saranno inoltre forniti gli strumenti metodologici per analizzare i mercati e i contesti entro cui sono collocati da un punto di vista sociologico, reperendo e analizzando i dati disponibili e realizzando approfondimenti ravvicinati, in particolare attraverso l’osservazione diretta e l’intervista.

Il modulo di rappresentazione dell’architettura fornirà gli strumenti teorici e pratici per la lettura, l’interpretazione, la resa e la comunicazione degli elementi materiali e immateriali legati al progetto architettonico e urbano. Verrà dedicata una particolare attenzione al rilievo, l’analisi e la rappresentazione degli elementi impalpabili del contesto analizzato, come ad esempio gli elementi multisensoriali, quali odori e sapori, ma anche quelli multiculturali che caratterizzano il contesto oggetto di studio. L’osservazione e la restituzione dei fenomeni architettonico/urbani verrà intesa nella sua chiave dinamica legata al tempo e allo spazio della vita di questa particolare tipologia di servizi urbani. In sinergia con le tradizionali modalità di rappresentazione dell’architettura, verranno impiegate tecniche multimediali per studiare e rendere le caratteristiche proprie di questi luoghi e del loro vissuto.

Il progetto si fonderà sulle elaborazioni interpretative prodotte con i contributi di tutte le discipline che concorrono al laboratorio; riguarderà l’edificio nella sua complessità e verrà sviluppato nelle diverse scale che consentono di precisarne il ruolo urbano, la configurazione architettonica, l’organizzazione spaziale e la dotazione di attrezzature fisse e mobili, nelle loro concrete definizioni costruttive e materico-formali.


Prerequisiti

nessun prerequisito 


Modalità di valutazione

L'esame è orale e consiste nella discussione del lavoro di progetto elaborato durante l'anno.

Oltre alle verifiche settimanali svolte con i singoli gruppi, sono previsti momenti di confronto seminariale sullo stato di avanzamento del lavoro.

Nella discussione finale verrà data particolare attenzione alla capacità di sintetizzare le analisi compiute e di tradurle nelle soluzioni progettuali, anche attraverso la appropriatezza, la qualità e la chiarezza degli elaborati grafici.


Bibliografia
Risorsa bibliografica facoltativaRoberto Rizzi (a cura di), Carlo De Carli 1910-1999. Lo spazio primario, Editore: Franco Angeli, Anno edizione: 2016
Risorsa bibliografica facoltativaRichard V. Moore, L'architettura del mercato coperto. Dal mercato all'ipermercato, Editore: Officina, Anno edizione: 1997
Risorsa bibliografica facoltativaBosselmann, Peter, Representation of Places: Reality and Realism in City Design, Editore: University of California Press, Anno edizione: 1998
Risorsa bibliografica facoltativaPiga, Barbara E. A., Rossella Salerno, (Eds.), Urban Design and Representation. A Multidisciplinary and Multisensory Approach, Editore: Springer International Publishing, Anno edizione: 2017

Software utilizzato
Nessun software richiesto

Forme didattiche
Tipo Forma Didattica Ore di attività svolte in aula
(hh:mm)
Ore di studio autonome
(hh:mm)
Lezione
50:00
54:10
Esercitazione
34:00
36:49
Laboratorio Informatico
0:00
0:00
Laboratorio Sperimentale
0:00
0:00
Laboratorio Di Progetto
84:00
91:00
Totale 168:00 181:59

Informazioni in lingua inglese a supporto dell'internazionalizzazione
Insegnamento erogato in lingua Italiano
Possibilità di sostenere l'esame in lingua inglese
Disponibilità di supporto didattico in lingua inglese

Note Docente
Indicazioni bibliografiche o relative a strumenti e supporti informatici specifici, verranno forniti di volta in volta in relazione agli argomenti trattati.
schedaincarico v. 1.6.9 / 1.6.9
Area Servizi ICT
30/11/2021