logo-polimi
Loading...
Risorse bibliografiche
Risorsa bibliografica obbligatoria
Risorsa bibliografica facoltativa
Scheda Riassuntiva
Anno Accademico 2018/2019
Scuola Scuola di Architettura Urbanistica Ingegneria delle Costruzioni
Insegnamento 099386 - LABORATORIO DI PROGETTAZIONE ARCHITETTONICA 3
Docente Di Gennaro Maria Francesca , Donaire Garcia De Mora Jesus
Cfu 12.00 Tipo insegnamento Laboratorio

Corso di Studi Codice Piano di Studio preventivamente approvato Da (compreso) A (escluso) Nome Sezione Insegnamento
Arc - Urb - Cost (1 liv.)(ord. 270) - MI (1094) PROGETTAZIONE DELL'ARCHITETTURAMIAAZZZZL099386 - LABORATORIO DI PROGETTAZIONE ARCHITETTONICA 3

Obiettivi dell'insegnamento

La forma didattica del laboratorio consente di mettere alla prova la capacità dello studente nell’applicare a temi concreti le conoscenze maturate all'interno degli insegnamenti.

Il Laboratorio di Progettazione Architettonica 3 offre allo studente la possibilità di una comprensione critica e articolata del contesto dell’architettura alle diverse scale di relazione – locale, urbana, del territorio e del paesaggio – con l’obiettivo di giungere alla definizione formale di organismi architettonici realizzabili.

Il Laboratorio approfondisce alcuni nodi rilevanti della composizione architettonica e del processo progettuale, quali le relazioni con altri riferimenti contestuali, con la storia e con la tecnica per la definizione morfo-funzionale dell’architettura in rapporto alla sua espressione fisica e al suo significato.

In questa prospettiva il progetto affronta situazioni complesse in relazione alle quali viene individuato il principio dell’inserimento architettonico e sono elaborati i caratteri morfologici, tipologici, spaziali configurativi, considerando i contenuti funzionali e le tecnologie appropriate.

Il Laboratorio si pone l’obiettivo di formare e organizzare le competenze progettuali necessarie dall’idea iniziale agli elaborati di approfondimento e dettaglio attraverso la definizione di nuovi organismi architettonici, di interventi sul costruito o di riqualificazioni urbane e del paesaggio.


Risultati di apprendimento attesi

In un percorso scalare di approfondimento delle tematiche progettuali e di difficoltà di volta in volta crescenti, attraverso il Laboratorio di Progettazione Architettonica 3, lo studente acquisisce le seguenti conoscenze e capacità di elaborazione: relazionare l’opera architettonica alle scale dei contesti fisici e alla morfologia dei tessuti insediativi; individuare il rapporto dell’architettura con il luogo e con lo spazio aperto; determinare i caratteri tipo-morfologici dell’architettura con attenzione agli aspetti compositivi e distributivi degli edifici; sperimentare tipologie complesse e modalità insediative innovative; definire i caratteri configurativi dello spazio in relazione ai contenuti funzionali e alle tecniche costruttive; delineare il linguaggio architettonico in base alle tecnologie più appropriate; sviluppare il processo progettuale con coerenza dall’idea iniziale agli approfondimenti di dettaglio.


Argomenti trattati

Il laboratorio intende offrire allo studente la possibilità di una comprensione approfondita e critica del contesto a diverse scale di relazione: locale, urbana, del territorio e del paesaggio. In quest’ottica il progetto affronta situazioni complesse, in relazione alle quali vengono elaborate le modalità insediative, i molteplici contenuti funzionali, i principî tipologici, la forma architettonica e le tecnologie appropriate. Lo studente, durante l’attività progettuale, muovendo dallo studio e dall’interpretazione del contesto, giunge alla definizione formale e costruttiva dell’organismo architettonico declinato alle diverse scale.

Il Laboratorio intende approfondire alcuni nodi rilevanti del processo progettuale e della composizione architettonica, quali le relazioni con la città e il paesaggio, con la storia e con la tecnica, l’articolazione tipologica e morfologica degli edifici e degli insediamenti, la definizione formale in rapporto al carattere espressivo dell’architettura.

Attraverso l’elaborazione del progetto di organismi architettonici complessi, di interventi sul costruito o di riqualificazione urbana e del paesaggio, il Laboratorio si pone l’obiettivo di formare e organizzare le competenze relative alle modalità di controllo delle diverse fasi del processo progettuale, dalla messa a punto dell’idea fino alla stesura degli elaborati, con sufficienti gradi di approfondimento e dettaglio.

Gli studenti indagheranno il tema identificato con “Bones and Skin” in architettura, attraverso la sua rappresentazione iconografica e il suo impatto strutturale. Esploreranno le possibilità spaziali e compositive della struttura ibrida per proporre nuove promenades architettoniche, forme distributive d’uso e funzione programmatiche innovative, insieme a   sistemi di circolazione e di movimento delle persone negli spazi pubblici urbani già costruiti.

Il tema “Bones and Skin” come progetto di una struttura ibrida dovrà risolvere il rapporto con la viabilità infrastrutturale preesistente, rapportarsi con la scala dell’intorno e della città, verificare l’appropriatezza dei materiali e le possibilità fornite dalle tecniche innovative (scale mobili, rampe meccaniche, montacarichi, ascensori, etc).

Il corso sarà articolato in tre esercizi:

01_Primo esercizio e01:

Studio di una STRUTTURA ORIZZONTALE non complessa attraverso la progettazione di un nuovo ponte pedonale sul Rio Manzanares di Madrid, vicino all’area di progetto.

02_Secondo esercizio, e02:

Esplorazione urbana sul tema della PIAZZA completata da una struttura mobile che offre ombra e definisce gli ambiti. Gli studenti lavoreranno a livello pratico/teorico sulle differenti proposte formali e intuitive alla scala dell’area di Matadero nella città di Madrid.

03_Terzo esercizio, e03:

Esplorazione progettuale sul tema delle STRUTTURE IBRIDE. Gli studenti lavoreranno a livello pratico/teorico sulle differenti proposte formali e intuitive alla scala della città, considerando i parametri di FORMA, STRUTTURA/SUPERSTRUTTURA, MATERIALI e le distinte possibilità programmatiche sia a livello pubblico che privato. La STRUTTURA IBRIDA dovrà migliorare l’area della città dove si situa il progetto, l’intorno del parco Madrid Rìo, vicino a Matadero, nella città di Madrid.

 

e01_PASSERELLA

Il primo esercizio sarà sviluppato in due/tre settimane. Consisterà nel DISEGNO DI UNA PASSERELLA PEDONALE che potrà essere utilizzata sia per il transito delle persone, sia come piccola piazza per la sosta. Il lavoro sarà sviluppato principalmente attraverso l’utilizzo di modelli. La consegna finale dell’esercizioe01 consisterà in un documento di formato A2 completo di planimetrie, prospetti, sezioni, assonometrie dell’elemento progettato, utili per la corretta comprensione della natura costruttiva, strutturale e materica della passerella, oltre a uno o più fotomontaggi e immagini fotografiche dei modelli sviluppati durante l'esercizio.

 

e0a_PIAZZA URBANA

Il secondo esercizio sarà sviluppato in due/tre settimane e consisterà nella esplorazione urbana sul tema della PIAZZA completata da una struttura mobile che offre ombra e definisce gli ambiti. La consegna finale dell’esercizio e02 consisterà in un documento di formato A2 completo di planimetrie, principalmente assonometrie della piazza, utili per la corretta comprensione della natura urbana e materica dello spazio urbano, oltre a uno o più fotomontaggi e immagini fotografiche dei modelli sviluppati durante l'esercizio.

 

e03_HYBRID STRUCTURE

Il terzo esercizio si articolerà fino alla fine del corso. Consisterà nel disegnare differenti opzioni per sviluppare il MASTERPLAN dell’area di progetto. Nelle prime due settimane sarà sviluppato il sistema generale a livello volumetrico, necessario per misurare la nuova architettura con la scala dell’intorno e della città proponendo nuove modalità progettuali dello SPAZIO PUBBLICO. La struttura ibrida dovrà ospitare funzioni pubbliche (aree sportive, culturali, uffici, spazi commerciali, etc.) e funzioni residenziali (abitazioni, albergo). Parte del lavoro consisterà nel proporre e definire un programma preciso delle differenti funzioni. Il tema dovrà essere sviluppato attraverso il disegno planimetrico e il modello e almeno un fotomontaggio dello spazio proposto a livello esterno e all’interno della nuova struttura progettata. La presentazione della documentazione planimetrica, i fotomontaggi e le immagini fotografiche dei modelli, saranno in formato A2. L'ultima parte, che durerà fino alla fine del semestre, consisterà nel risolvere volumetricamente, strutturalmente e costruttivamente una porzione specifica della “Hybrid Structure” che dovrà coincidere con le aree pubbliche urbane e le aree pubbliche e private residenziali. Il lavoro sarà sviluppato principalmente con modelli di differente scala. La presentazione finale, con la documentazione planimetrica, fotomontaggi, e le immagini di modelli, sarà in formato A2, con un’attenzione speciale alle sezioni costruttive alla scala 1/50.

 


Prerequisiti

La successione della frequenza degli insegnamenti nel percorso formativo e l’ordine di verbalizzazione dei relativi esami deve seguire le precedenze indicate nel Regolamento del Corso di Studio.


Modalità di valutazione

L'esame consisterà nella valutazione congiunta pratico/teorica dei tre esercizi e del progetto finale. 

Saranno organizzate una o più giornate seminariali in cui ospiti esterni valuteranno insieme al corpo docente il lavoro svolto.


Bibliografia
Risorsa bibliografica obbligatoriaPrologue by Steven Holl, This is Hybrid. An analysis of mixed-use buildings , Editore: A+T
Risorsa bibliografica obbligatoriaRem Koolhaas, Delirious New York, un manifesto retroattivo per Manhattan, Editore: Mondadori Electa
Risorsa bibliografica obbligatoriaKenneth Frampton, David Chipperfield, Richard Meir, Jesús Aparicio, Campo Baeza. Complete Works, Editore: Thames and Hudson

Software utilizzato
Nessun software richiesto

Forme didattiche
Tipo Forma Didattica Ore di attività svolte in aula
(hh:mm)
Ore di studio autonome
(hh:mm)
Lezione
43:00
46:34
Esercitazione
29:00
31:25
Laboratorio Informatico
0:00
0:00
Laboratorio Sperimentale
0:00
0:00
Laboratorio Di Progetto
72:00
78:00
Totale 144:00 155:59

Informazioni in lingua inglese a supporto dell'internazionalizzazione
Insegnamento erogato in lingua Italiano

Note Docente
schedaincarico v. 1.6.9 / 1.6.9
Area Servizi ICT
04/12/2021