logo-polimi
Loading...
Risorse bibliografiche
Risorsa bibliografica obbligatoria
Risorsa bibliografica facoltativa
Scheda Riassuntiva
Anno Accademico 2018/2019
Scuola Scuola di Architettura Urbanistica Ingegneria delle Costruzioni
Insegnamento 095968 - LABORATORIO DI URBANISTICA
Docente Cognetti De Martiis Francesca , Gaeta Luca
Cfu 12.00 Tipo insegnamento Laboratorio

Corso di Studi Codice Piano di Studio preventivamente approvato Da (compreso) A (escluso) Nome Sezione Insegnamento
Arc - Urb - Cost (1 liv.)(ord. 270) - MI (1094) PROGETTAZIONE DELL'ARCHITETTURAMIAPISANIROMANÒ095968 - LABORATORIO DI URBANISTICA

Obiettivi dell'insegnamento

La forma didattica del laboratorio consente di mettere alla prova la capacità dello studente nell’applicare a temi concreti le conoscenze maturate all'interno degli insegnamenti.

Il laboratorio di Urbanistica introduce alla progettazione e pianificazione urbanistica attraverso gli elementi fondamentali della disciplina, cioè l’analisi della città e del territorio alle diverse scale di relazione dei fenomeni insediativi; la conoscenza delle teorie e di significative esperienze di progettazione urbana e pianificazione spaziale del Novecento; la comprensione degli strumenti urbanistici di tipo regolativo e progettuale. Ulteriori approfondimenti sono dedicati alla conoscenza delle dinamiche di trasformazione territoriale degli ultimi decenni e ai temi più significativi della città contemporanea (sostenibilità ambientale, pratiche dell'abitare, welfare materiale, mobilità urbana, spazio pubblico, rigenerazione e riuso, reti digitali). Attraverso un’attività propedeutica di tipo tecnico, l'obiettivo del laboratorio è quello di sviluppare l'attitudine progettuale per la tematizzazione e la definizione di uno spazio urbano, sperimentando le tecniche di comunicazione e rappresentazione appropriate.


Risultati di apprendimento attesi

A seguito del superamento dell’esame, lo studente conosce concetti, principi e metodi fondamentali dell’urbanistica. Lo studente inoltre è in grado di applicare la conoscenza acquisita all’individuazione dei problemi di carattere urbanistico e alla ricerca autonoma di appropriate soluzioni progettuali con attenzione al contesto sociale e materiale di ciascun intervento. L’apprendimento è sufficiente per un corretto impiego della terminologia urbanistica e per comunicare in modo chiaro e comprensibile, anche a un pubblico non specialistico, le analisi e le scelte progettuali effettuate.


Argomenti trattati

Rispetto al passato anche recente, il territorio contemporaneo è uno spazio multiforme all’interno del quale si dispiegano mutamenti e trasformazioni di natura diversa, esito di una società plurale e frammentata nei valori, nelle culture e negli stili di vita.

Gli strumenti e i concetti che l'urbanistica moderna ha elaborato per la regolazione del suolo e per la progettazione degli insediamenti sono ancora in uso e sono importanti per la formazione dei giovani architetti, ai quali insegnano che l’architettura non è una libera creazione artistica, ma presuppone la città in cui è situata, con le sue tradizioni, le regole che governano la convivenza civile, le risorse di cui dispongono cittadini, imprese e pubblica amministrazione.

Tuttavia, strumenti e concetti urbanistici vanno oggi riconsiderati. Abbiamo bisogno di confrontarci con modalità e tecniche differenti, che ci facciano interpretare i segni emergenti di un territorio in costruzione e che possano guidarne il progetto.

Agli studenti che per la prima volta si avvicinano all’urbanistica si intende fare acquisire la graduale consapevolezza del passaggio dalla società industriale alla società dell’informazione. Questo avviene attraverso diverse e parallele operazioni didattiche che impegnano gli studenti in aula e anche fuori dall’università, attività di studio, ricerca bibliografica, osservazione, riconoscimento e rappresentazione; ma anche prefigurazione di futuri possibili e individuazione di leve per favorire il cambiamento.

Tre sono le dimensioni di queste attività didattiche:

- una dimensione pienamente spaziale, relativa alla forma e all’organizzazione del territorio, alla relazione tra pieni e vuoti, al suolo pubblico e privato, alle infrastrutture per la mobilità.

- una dimensione prevalentemente politica e sociale, che si relaziona con le popolazioni e gli attori della città, portatori di voci, interessi e pratiche d’uso differenti, a volte confliggenti;

- una dimensione tecnica, relativa all’insieme di regole, piani e progetti, che si sono depositati sul suolo, trasformandolo.

A partire da queste tre dimensioni, le simulazioni progettuali degli studenti diventano un pretesto per affrontare un “viaggio”, una “esplorazione” del territorio contemporaneo, dei suoi spazi e delle dinamiche che lo attraversano, confrontandosi con i temi del welfare, delle disuguaglianze sociali, del contenimento del consumo di suolo, della sostenibilità ambientale, della riqualificazione urbana.


Prerequisiti
 

Modalità di valutazione

Il laboratorio prevede due scadenze intermedie, utili alla scansione del percorso didattico e allo sviluppo per fasi del lavoro complessivo. In queste occasioni gli studenti dovranno produrre e presentare degli elaborati parziali. Questi elaborati di gruppo sono valutati per rendere gli studenti consapevoli delle competenze acquisite e della capacità di comunicare, della qualità del lavoro in corso di svolgimento e delle eventuali criticità da risolvere in autonomia. Al termine del laboratorio è prevista una prova scritta individuale per verificare l’apprendimento degli argomenti trattati nelle lezioni. Il voto finale è determinato dalla valutazione degli elaborati di gruppo e dalla valutazione della prova scritta individuale.


Bibliografia
Risorsa bibliografica obbligatoriaL. Gaeta, U. Janin Rivolin, L. Mazza, Governo del territorio e pianificazione spaziale, Editore: De Agostini, Anno edizione: 2013
Risorsa bibliografica obbligatoriaF. Cognetti, I nuovi confini della citt : equilibri tra reti di prossimit  e flussi, in Ranci C., Torri R., a cura di, Milano tra coesione sociale e sviluppo, Editore: Bruno Mondadori, Anno edizione: 2007

Software utilizzato
Nessun software richiesto

Forme didattiche
Tipo Forma Didattica Ore di attività svolte in aula
(hh:mm)
Ore di studio autonome
(hh:mm)
Lezione
43:00
46:34
Esercitazione
29:00
31:25
Laboratorio Informatico
0:00
0:00
Laboratorio Sperimentale
0:00
0:00
Laboratorio Di Progetto
72:00
78:00
Totale 144:00 155:59

Informazioni in lingua inglese a supporto dell'internazionalizzazione
Insegnamento erogato in lingua Italiano

Note Docente
schedaincarico v. 1.6.9 / 1.6.9
Area Servizi ICT
04/12/2021