logo-polimi
Loading...
Risorse bibliografiche
Risorsa bibliografica obbligatoria
Risorsa bibliografica facoltativa
Scheda Riassuntiva
Anno Accademico 2018/2019
Scuola Scuola di Architettura Urbanistica Ingegneria delle Costruzioni
Insegnamento 095968 - LABORATORIO DI URBANISTICA
Docente Merlini Chiara , Parenti Claudia Ida Maria
Cfu 12.00 Tipo insegnamento Laboratorio

Corso di Studi Codice Piano di Studio preventivamente approvato Da (compreso) A (escluso) Nome Sezione Insegnamento
Arc - Urb - Cost (1 liv.)(ord. 270) - MI (1094) PROGETTAZIONE DELL'ARCHITETTURAMIAFINETTIGUIDI095968 - LABORATORIO DI URBANISTICA

Obiettivi dell'insegnamento

La forma didattica del laboratorio consente di mettere alla prova la capacità dello studente nell’applicare a temi concreti le conoscenze maturate all'interno degli insegnamenti.

Il laboratorio di Urbanistica introduce alla progettazione e pianificazione urbanistica attraverso gli elementi fondamentali della disciplina, cioè l’analisi della città e del territorio alle diverse scale di relazione dei fenomeni insediativi; la conoscenza delle teorie e di significative esperienze di progettazione urbana e pianificazione spaziale del Novecento; la comprensione degli strumenti urbanistici di tipo regolativo e progettuale. Ulteriori approfondimenti sono dedicati alla conoscenza delle dinamiche di trasformazione territoriale degli ultimi decenni e ai temi più significativi della città contemporanea (sostenibilità ambientale, pratiche dell'abitare, welfare materiale, mobilità urbana, spazio pubblico, rigenerazione e riuso, reti digitali). Attraverso un’attività propedeutica di tipo tecnico, l'obiettivo del laboratorio è quello di sviluppare l'attitudine progettuale per la tematizzazione e la definizione di uno spazio urbano, sperimentando le tecniche di comunicazione e rappresentazione appropriate.


Risultati di apprendimento attesi

A seguito del superamento dell’esame, lo studente conosce concetti, principi e metodi fondamentali dell’urbanistica. Lo studente inoltre è in grado di applicare la conoscenza acquisita all’individuazione dei problemi di carattere urbanistico e alla ricerca autonoma di appropriate soluzioni progettuali con attenzione al contesto sociale e materiale di ciascun intervento. L’apprendimento è sufficiente per un corretto impiego della terminologia urbanistica e per comunicare in modo chiaro e comprensibile, anche a un pubblico non specialistico, le analisi e le scelte progettuali effettuate.


Argomenti trattati

Obiettivi formativi, contenuti e struttura del Laboratorio

Con il termine Urbanistica si indica un insieme numeroso di attività di diverso tipo (interpretative, progettuali, regolative), legate tra loro in modi non scontati e sempre diversi nel tempo. Allo studente che si avvicina per la prima volta alla materia si cercherà di proporre una immagine della disciplina che renda conto di questa articolazione e di queste sfaccettature.

Tre aspetti saranno cruciali in questo avvicinamento:

- “imparare a guardare” lo spazio abitato, cogliendo l’articolazione delle forme insediative, la complessità dei materiali urbani, le relazioni tra la dimensione fisica dello spazio e i soggetti che lo abitano nel tempo;

- “imparare a parlare”, nominando in modo consapevole ciò che si osserva, riconoscendo nel progetto urbanistico l’uso di termini tecnici e specialistici, usando le forme espressive e comunicative di volta in volta più adeguate;

- “imparare a immaginare” lo spazio, individuando specifici ambiti di modificazione e definendo i temi che essi pongono, verificando resistenze e disponibilità alla trasformazione, controllando la coerenza delle scelte alle diverse scale, scegliendo i materiali compositivi più adatti.

Il tema

Agli studenti verrà chiesto di predisporre un progetto urbanistico per la riqualificazione di un quartiere pubblico della città di Milano.

Lo sfondo entro cui si colloca l’esercizio progettuale proposto riguarda problemi e potenzialità poste oggi dalla “città pubblica” a Milano. Lo studente sarà invitato a riflettere sul ruolo che la progettazione di residenza pubblica e di attrezzature per il welfare ha avuto nel lungo periodo, e sui temi e le questioni progettuali che i quartieri pongono oggi.

La scelta del tema vuole portare gli studenti a prendere consapevolezza di due aspetti che si ritengono di particolare rilevanza: da un lato una riflessione sull’attuale quadro di condizioni economiche e sociali entro cui il progetto urbanistico prende forma, orientandosi ai temi del riuso, della riqualificazione, del ridisegno del suolo più che alla nuova edificazione; dall’altro una riflessione che consenta di articolare e riformulare, alla luce del caso studio scelto e di una serie di letture dedicate, la nozione di “periferia”.

Il Laboratorio è organizzato con una serie di esercizi, da predisporre secondo le scadenze richieste e da discutere in occasione di seminari collettivi, anche con il contributo di colleghi esterni al Laboratorio.

Es.1_Una esplorazione sul campo: leggere il quartiere

I casi studio che verranno proposti consentiranno di riflettere su diverse forme dello spazio abitabile e di leggere le relazioni tra sistema insediativo, spazi aperti, sistemi ambientali, maglia infrastrutturale.

La prima fase di lavoro, di natura interpretativa, cerca di avvicinare lo studente alla complessità di una descrizione dello spazio urbano attraverso l’articolazione dei punti di osservazione (letture dall’alto e dal basso, letture dello spazio e delle pratiche d’uso, ecc.) e delle forme di rappresentazione (fotografia, mappatura, racconto, ecc.).

Il lavoro sarà condotto alla scala ampia del territorio e su una porzione più circoscritta.

Elaborati:

Mappature e layering. Sul caso studio scelto ogni gruppo di studenti procederà a una scomposizione per layers che consenta, attraverso la lettura della cartografia, una prima riflessione sulla morfologia del costruito e sulla sua articolazione in differenti tipi di spazio, sulle dotazioni di attrezzature pubbliche, sulla natura del suolo e dello spazio aperto e sul sistema dell’accessibilità.

Racconto fotografico. Alla lettura “dall’alto” si accompagnerà una descrizione più ravvicinata e in “presa diretta”, che dovrebbe portare gli studenti a mettere a fuoco alcuni primi temi di progetto e ad utilizzare in modo consapevole il linguaggio della fotografia. Ogni gruppo dovrà predisporre due book fotografici secondo le indicazioni date.

Una immagine tridimensionale. Ai fini della comprensione di uno spazio urbano complesso si ritiene molto utile la costruzione di un modello tridimensionale, che consenta di familiarizzare con le scale e di comprendere l’articolazione del suolo e i suoi rapporti con lo spazio costruito.

Sintesi interpretativa e temi. Nella fase intermedia di lavoro si chiederà agli studenti di dar forma ad una immagine interpretativa di sintesi, in cui si riconoscano qualità ed elementi problematici del quartiere.

Es.2_Una ricerca: materiali dello spazio aperto

Il “progetto di suolo” è tradizionalmente una componente essenziale del progetto urbanistico. Il ridefinirsi dell’urbanistica, perlomeno nel contesto europeo, entro prospettive di riqualificazione dell’esistente più che di nuova espansione della città rende oggi particolarmente importante conoscere temi, forme, tecniche legate al progetto dello spazio aperto, in contesti e a scale differenti.

Ogni studente dovrà predisporre e commentare un repertorio di buoni esempi progettuali su specifici tipi di spazio (parchi urbani, parchi agricoli, parcheggi, strade urbane, piste ciclabili, orti, giardini, playground, ecc.), da arricchire eventualmente anche in successivi momenti formativi.

Tale raccolta fornirà utili riferimenti per costruire in modo consapevole il progetto oggetto del Laboratorio.

Elaborati:

Repertorio. Una ricerca bibliografica su uno dei materiali urbani assegnati, condotta secondo il formato stabilito e da presentare in un seminario di discussione collettivo.

Es.3_Un progetto urbanistico: quartieri al futuro

Nella seconda parte del Laboratorio ogni gruppo di studenti predisporrà un progetto urbanistico per la riqualificazione di uno dei quartieri proposti. In particolare, ogni gruppo cercherà di mettere a fuoco un tema e di individuare rispetto ad esso strategie complessive e articolazione dei materiali utili a trattarle. In particolare gli studenti saranno chiamati a sviluppare un progetto controllando principalmente il disegno del suolo, nelle sue componenti vegetali e minerali, e in riferimento alle pratiche d’uso possibili. L’atteggiamento che si proporrà partirà dalla attenta valutazione di ciò che già esiste, immaginando forme di riordino e ridisegno ed evitando l’inserimento di nuove volumetrie edilizie.

Elaborati:

Le ragioni del progetto e i materiali del progetto. Il lavoro progettuale verrà condotto con elaborati di varia natura, assegnando un ruolo importante al disegno manuale e alla produzione di plastici di studio. Gli elaborati predisposti dovranno trattare principalmente due aspetti: le “ragioni del progetto”, in relazione alle scelte principali e alla scala dell’intero settore studiato; i “materiali” del progetto, in relazione alle specifiche soluzioni predisposte per ridisegnare lo spazio urbano.

 


Prerequisiti

Allo studente è richiesta una discreta padronanza degli strumenti della rappresentazione (manuale e digitale).


Modalità di valutazione

L'esame si volgerà individualmente. Ogni studente sarà chiamato ad illustrare il lavoro svolto durante l'anno, in riferimento sia agli esercizi di natura interpretativa e bibliografica, sia in riferimento al progetto svolto in gruppo. Oltre alla capacità di restituzione e argomentazione del lavoro svolto verrà sondata, in sede d'esame, la comprensione dei temi e delle questioni presentate nelle lezioni frontali e nei seminari.


Bibliografia
Risorsa bibliografica facoltativaJ.Ghel, Vita in citta', Editore: Maggioli, Anno edizione: 1991
Risorsa bibliografica facoltativaS.Boeri, A.Lanzani, E.Marini, Il territorio che cambia. Ambienti paesaggi e immagini della regione milanese, Editore: Abitare Segesta, Anno edizione: 1993
Risorsa bibliografica facoltativaB.Secchi, La citta' del XX secolo, Editore: Laterza, Anno edizione: 2005
Risorsa bibliografica facoltativaLaboratorio Citta' Pubblica, Citta' pubbliche. Linee guida per la riqualificazione urbana, Editore: Bruno Mondadori, Anno edizione: 2009
Risorsa bibliografica facoltativaF.Infussi (a cura di), Dal recinto al territorio. Milano, esplorazioni nella città pubblica, Editore: Bruno Mondadori, Anno edizione: 2011

Software utilizzato
Nessun software richiesto

Forme didattiche
Tipo Forma Didattica Ore di attività svolte in aula
(hh:mm)
Ore di studio autonome
(hh:mm)
Lezione
43:00
46:34
Esercitazione
29:00
31:25
Laboratorio Informatico
0:00
0:00
Laboratorio Sperimentale
0:00
0:00
Laboratorio Di Progetto
72:00
78:00
Totale 144:00 155:59

Informazioni in lingua inglese a supporto dell'internazionalizzazione
Insegnamento erogato in lingua Italiano

Note Docente
schedaincarico v. 1.6.9 / 1.6.9
Area Servizi ICT
04/12/2021