logo-polimi
Loading...
Risorse bibliografiche
Risorsa bibliografica obbligatoria
Risorsa bibliografica facoltativa
Scheda Riassuntiva
Anno Accademico 2018/2019
Scuola Scuola di Architettura Urbanistica Ingegneria delle Costruzioni
Insegnamento 095956 - FONDAMENTI DI CONSERVAZIONE DELL'EDILIZIA STORICA
Docente Simonelli Raffaella
Cfu 4.00 Tipo insegnamento Monodisciplinare

Corso di Studi Codice Piano di Studio preventivamente approvato Da (compreso) A (escluso) Nome Sezione Insegnamento
Arc - Urb - Cost (1 liv.)(ord. 270) - MI (1094) PROGETTAZIONE DELL'ARCHITETTURAMIAMIGLIORATIROSSI095956 - FONDAMENTI DI CONSERVAZIONE DELL'EDILIZIA STORICA

Obiettivi dell'insegnamento

Il corso di Fondamenti di conservazione dell’edilizia storica ha come obiettivo l’avvicinamento dell’allievo al tema della conservazione del patrimonio costruito attraverso un percorso che lo guidi alla comprensione di come questa eredità del passato, se opportunamente tutelata e valorizzata, costituisca una risorsa fondamentale per la costruzione della città e del paesaggio del futuro. Argomenti del corso sono: i concetti di monumento, patrimonio, cultura materiale, conservazione; le tecniche costruttive dell’edilizia storica; i temi del progetto di conservazione e riuso. Le lezioni ex cathedra saranno affiancate da attività in aula, esercitazioni ed eventuali iniziative seminariali, per stimolare gli studenti a svolgere un percorso personale di studio finalizzato a una sintesi critica e alla sensibilizzazione a un progetto rispettoso dei valori culturali e materiali che si sono stratificati nel tempo sul paesaggio costruito.


Risultati di apprendimento attesi

Alla fine del corso ci si attende che gli studenti recepiscano il significato oggi attribuito alla tutela e ai suoi strumenti, con particolare riferimento all’Italia e alla sua “cultura della conservazione”; che apprendano, anche attraverso una esercitazione pratica, i rudimenti metodologici relativi alla conoscenza e al progetto rivolti agli edifici storici e al patrimonio costruito.


Argomenti trattati

Il corso affronta il tema complesso dell’approccio alle preesistenze: attraverso le lezioni teoriche, la presentazione di casi esemplificativi e l’elaborazione di una esercitazione concordata con la docenza, l’allievo sarà condotto a prendere consapevolezza di come il patrimonio ereditato dal passato, costantemente a rischio, sia testimonianza di cultura materiale da rispettare, salvaguardare e trasmettere alle generazioni future, predisponendo un corretto progetto di conoscenza, conservazione e valorizzazione.

Ripercorrendo le figure che hanno contribuito alla definizione teorica della disciplina, verrà analizzato il percorso culturale che ha portato all’ampliamento del concetto di monumento, non più inteso come singola emergenza ma come parte attiva di un sistema territoriale più ampio, dove ciascun elemento, considerato nella sua unicità, costituisce una risorsa in rapporto a ciò che lo circonda.

Imparare a considerare i “monumenti”, intesi in senso allargato, come beni collettivi, imparare a riconoscere e comprenderne le stratificazioni è presupposto fondamentale per la messa a punto di una strategia di intervento che, attraverso il rispetto e la “cura”, ne garantisca l’uso nella contemporaneità e la trasmissibilità alle generazioni future.

Verranno dunque forniti gli strumenti teorici e pratici necessari per iniziare a rapportarsi all’esistente attraverso un progetto di architettura complesso che richiede sensibilità e padronanza delle corrette modalità di intervento.

Nello specifico, i temi affrontati durante il corso saranno:

- lineamenti di storia e cultura della conservazione;

- concetti di monumento, cultura materiale, bene culturale, patrimonio, conservazione;

- documenti nazionali e internazionali che hanno guidato la tutela;

- attuali strumenti normativi;

- lineamenti metodologici per la “lettura” del patrimonio costruito e per il progetto di conservazione;

- progetto di architettura per il costruito storico: casi studio.


Prerequisiti
 

Modalità di valutazione

Il corso è articolato in lezioni teoriche e presentazione di casi studio significativi; prevede inoltre lo sviluppo di un’esercitazione da svolgere in gruppo.

L’esame verterà, per gli studenti frequentanti, sui temi presentati durante le lezioni, su una selezione dei testi indicati in bibliografia e sull’esercitazione svolta. La valutazione finale sarà il risultato della media tra i voti ottenuti nel’esercitazione di gruppo e nel colloquio orale individuale.

Per gli studenti frequentanti sono previsti momenti di esposizione e valutazione, individuale e di gruppo, dell’esercitazione.

Gli studenti non frequentanti dovranno fare riferimento all’intera bibliografia indicata.

In sede di esame l’allievo dovrà dimostrare di:

- conoscere i temi trattati nell’insegnamento;

- esporre gli argomenti con un lessico corretto ed adeguato alle questioni affrontate;

- dimostrare capacità di lettura critica di quanto appreso;

- essere in grado di proporre autonomamente collegamenti concettuali tra le tematiche sviluppate.


Bibliografia
Risorsa bibliografica obbligatoriaB. Paolo Torsello (a cura di), Che cos'è il restauro? Nove studiosi a confronto, Editore: Marsilio Editore, Anno edizione: 2005, ISBN: 9788831786454
Risorsa bibliografica obbligatoriaMarco Dezzi Bardeschi, Conservare, non restaurare (Hugo, Ruskin, Boito, Dehio e dintorni) in 'ANANKE', Editore: Alinea Editrice, Anno edizione: 2002
Note:

Fascicolo: 35-36

Risorsa bibliografica obbligatoriaMarco Dezzi Bardeschi - Amedeo Bellini, Conservazione, 1 - 2 in 'ANANKE', Editore: Altralinea edizioni, Anno edizione: 2014
Note:

Fascicolo 72, pp. 48-51

Risorsa bibliografica obbligatoriaDonatella Fiorani / Roberto Cecchi, Carte del restauro / Codice (dei beni culturali e del paesaggio) in 'ANANKE' , Editore: Altralinea edizioni, Anno edizione: 2014
Note:

Fascicolo 72, pp. 37-41; 42-44

Risorsa bibliografica obbligatoriaSalvatore Settis, Paesaggio costituzione cemento, Editore: Einaudi, Anno edizione: 2010, ISBN: 9788806198718
Note:

cap. III, Cultura ed etica della tutela in Italia, pp. 110-136; cap. VI, L'Italia si fa in tre: paesaggio territorio ambiente, pp.222-231, 236-253, 259-274.

Risorsa bibliografica obbligatoriaStefano F. Musso, Recupero e restauro degli edifici storici, Editore: EPC libri, Anno edizione: 2016, ISBN: 9788863107227
Note:

cap. II

Risorsa bibliografica facoltativaMaurizio Boriani (a cura di), Progettare per il costruito, Editore: Città studi edizioni, Anno edizione: 2008, ISBN: 9788825173345

Software utilizzato
Nessun software richiesto

Forme didattiche
Tipo Forma Didattica Ore di attività svolte in aula
(hh:mm)
Ore di studio autonome
(hh:mm)
Lezione
30:00
45:00
Esercitazione
10:00
15:00
Laboratorio Informatico
0:00
0:00
Laboratorio Sperimentale
0:00
0:00
Laboratorio Di Progetto
0:00
0:00
Totale 40:00 60:00

Informazioni in lingua inglese a supporto dell'internazionalizzazione
Insegnamento erogato in lingua Italiano

Note Docente
La valutazione dell'esercitazione sarà ritenuta valida nell'anno accademico in cui è stata svolta.
schedaincarico v. 1.6.9 / 1.6.9
Area Servizi ICT
29/11/2021