logo-polimi
Loading...
Risorse bibliografiche
Risorsa bibliografica obbligatoria
Risorsa bibliografica facoltativa
Scheda Riassuntiva
Anno Accademico 2018/2019
Scuola Scuola di Architettura Urbanistica Ingegneria delle Costruzioni
Insegnamento 097366 - LABORATORIO DI COSTRUZIONE DELL'ARCHITETTURA
Docente Rascaroli Luca Vasco , Talamo Cinzia Maria Luisa
Cfu 12.00 Tipo insegnamento Laboratorio

Corso di Studi Codice Piano di Studio preventivamente approvato Da (compreso) A (escluso) Nome Sezione Insegnamento
Arc - Urb - Cost (1 liv.)(ord. 270) - MI (1094) PROGETTAZIONE DELL'ARCHITETTURAMIAAZZZZE097366 - LABORATORIO DI COSTRUZIONE DELL'ARCHITETTURA

Obiettivi dell'insegnamento

La forma didattica del laboratorio consente di mettere alla prova la capacità dello studente nell’applicare a temi concreti le conoscenze maturate all'interno degli insegnamenti.

Il Laboratorio di Costruzione dell’architettura intende promuovere, attraverso l’esperienza del progetto, la capacità di governare il sistema di relazioni che lega materiali, elementi costruttivi, tecniche esecutive, esigenze ambientali e funzionali, vincoli normativi, caratteristiche del contesto. A tal fine saranno assunti come riferimento e approfonditi progetti e realizzazioni in cui risulta particolarmente evidente il rapporto tra materiali, principi costruttivi e configurazione architettonica. Obiettivo del Laboratorio è l’esplorazione e l’acquisizione delle modalità di controllo delle regole che presiedono al dimensionamento degli spazi abitativi e alla loro definizione tipologico-distributiva in rapporto alle esigenze esplicite e implicite degli utenti e l’approfondimento della configurazione del sistema edilizio e degli elementi tecnologici ed impiantistici in termini di risposta coerente all’articolato quadro di requisiti da soddisfare.


Risultati di apprendimento attesi

Il Laboratorio propone un’esperienza di progetto applicata a un organismo di limitate dimensioni "a complessità controllata" con una costante attenzione alla realizzabilità costruttiva dell’opera. A conclusione dell’esperienza progettuale lo studente avrà maturato le competenze necessarie per individuare i criteri da assumere nella scelta delle opzioni tecniche disponibili. Sarà in grado di definire le alternative tipologiche e spaziali in coerenza con un sistema articolato di vincoli esigenziali, ambientali e con le relative scelte tecnologiche e costruttive. Avrà acquisito la capacità di affrontare il progetto ai diversi livelli di approfondimento e alle adeguate scale di rappresentazione fino allo sviluppo dei dettagli costruttivi studiati nella loro dimensione materica e nella verifica della loro realizzabilità.


Argomenti trattati
Il laboratorio propone un articolato percorso progettuale che ha inizio dalla lettura e interpretazione del luogo di intervento, assume una prima formulazione di carattere metaprogettuale e arriva, attraverso livelli successivi di approfondimento, fino alla definizione dettagliata delle caratteristiche tecniche del progetto, per la quale viene proposto un repertorio tecnico che prevede l'utilizzo di diversi materiali (laterizio, legno, acciaio, calcestruzzo armato).
Il corso affronta attarevrso lezioni frontali i seguenti argomenti:
  • il contesto fisico di intervento;
  • il contesto socio-economico di riferimento;
  • le esigenze della committenza;
  • i vincoli normativi alla scala edilizia;
  • i vincoli distributivi dettati dalla presenza delle principali categorie di impianti;
  • i principi costruttivi legati alle proprietà e ai comportamenti dei diversi materiali (laterizio, calcestruzzo, legno, acciaio).

Per quanto riguarda l'esperienza progettuale, si assume come tema di progetto quello dei un’abitazione, inserita in un contesto definito nelle sue caratteristiche localizzative e nei suoi vincoli insediativi. La dimensione dell'intervento da progettare è tale da consentire da parte dello studente un completo controllo della complessità tematica e della scala di approfondimento funzionale e tecnico. In particolare il progetto riguarda la progettazione di un piccolo edificio, necessariamente su due piani, destinato a una utenza definita nelle sue caratteristiche e nelle sue esigenze. Al fine di semplificare la fase di analisi iniziale, la docenza fornisce alcuni riferimenti e vincoli di contesto provenienti da una attività di analisi di cui agli studenti vengono trasmessi metodi di indagine ed esiti

 


Prerequisiti

La successione della frequenza degli insegnamenti nel percorso formativo e l’ordine di verbalizzazione dei relativi esami deve seguire le precedenze indicate nel regolamento del Corso di Studio.


Modalità di valutazione

La valutazione finale riguarderà la discussione del progetto e delle scelte tecniche attuate.

Il laboratorio prevede tre momenti di verifica intermedia:

1° verifica progetto per la concessione edilizia

Obiettivo è la  valutazione del progetto impostato a partire dai primi studi  fino alla elaborazione progettuale alla scala 1:100  con i contenuti necessari alla domanda di concessione edilizia. La valutazione si basa sulla  verifica  del rispetto dei requisiti di partenza e della normativa di riferimento, della coerenza e correttezza tecnica e della documentazione.

2° verifica  : impostazione del  progetto alla scala del dettaglio:

Obiettivo è la valutazione della corretta impostazione alla scala del dettaglio. La verifica riguarda la coerenza nel passaggio di approfondimento tecnico del progetto dalla scala 1:100 alla scala 1:50, la correttezza delle scelte tecniche, la coerenza tra i diversi elaborati (piante, prospetti, sezioni) e tra gli elabortati sviluppati ai diversi livelli di approfondimento (scala 1:50, 1:20, 1:5).

3° verifica : seminari  di chiusura

Obiettivo è la valutazione dell’intero percorso svolto, della documentazione prodotta, della corretta tecnica delle soluzioni proposte, della coerenza nei vari passaggi di approfondimento affrontati.


Bibliografia
Risorsa bibliografica obbligatoriaIppolito L.,, La villa del novecento, Editore: Firenze university press, Anno edizione: 2009
Risorsa bibliografica obbligatoriaBradbury D., Architettura, abitazioni private e natura,, Editore: Logos,, Anno edizione: 2005
Risorsa bibliografica facoltativaA. Acocella,, L'architettura dei luoghi,, Editore: Laterconsult, Anno edizione: 1992
Risorsa bibliografica obbligatoriaE. Neufert,, Enciclopedia pratica per progettare e costruire Milano, , Editore: Hoepli,
Risorsa bibliografica obbligatoriaE.Allen, I fondamenti del costruire, Editore: McGraw-Hill, Milano, Anno edizione: 1997

Software utilizzato
Nessun software richiesto

Forme didattiche
Tipo Forma Didattica Ore di attività svolte in aula
(hh:mm)
Ore di studio autonome
(hh:mm)
Lezione
43:00
46:34
Esercitazione
29:00
31:25
Laboratorio Informatico
0:00
0:00
Laboratorio Sperimentale
0:00
0:00
Laboratorio Di Progetto
72:00
78:00
Totale 144:00 155:59

Informazioni in lingua inglese a supporto dell'internazionalizzazione
Insegnamento erogato in lingua Italiano
Disponibilità di libri di testo/bibliografia in lingua inglese
Possibilità di sostenere l'esame in lingua inglese

Note Docente
schedaincarico v. 1.6.9 / 1.6.9
Area Servizi ICT
04/12/2021