logo-polimi
Loading...
Risorse bibliografiche
Risorsa bibliografica obbligatoria
Risorsa bibliografica facoltativa
Scheda Riassuntiva
Anno Accademico 2017/2018
Scuola Scuola del Design
Insegnamento 051798 - ARTEFATTI PER NUOVE ECONOMIE COLLABORATIVE
Docente Figiani Maurizio
Cfu 6.00 Tipo insegnamento Monodisciplinare

Corso di Studi Codice Piano di Studio preventivamente approvato Da (compreso) A (escluso) Nome Sezione Insegnamento
Des (1 liv.)(ord. 270) - BV (1087) DESIGN DEGLI INTERNI***AZZZZ052141 - DESIGN EXPLORER: EVENTI E INIZIATIVE DI DESIGN A SCELTA DELLO STUDENTE
051798 - ARTEFATTI PER NUOVE ECONOMIE COLLABORATIVE
Des (1 liv.)(ord. 270) - BV (1088) DESIGN DELLA COMUNICAZIONE***AZZZZ051798 - ARTEFATTI PER NUOVE ECONOMIE COLLABORATIVE
052141 - DESIGN EXPLORER: EVENTI E INIZIATIVE DI DESIGN A SCELTA DELLO STUDENTE
Des (1 liv.)(ord. 270) - BV (1089) DESIGN DELLA MODA***AZZZZ052141 - DESIGN EXPLORER: EVENTI E INIZIATIVE DI DESIGN A SCELTA DELLO STUDENTE
051798 - ARTEFATTI PER NUOVE ECONOMIE COLLABORATIVE
Des (1 liv.)(ord. 270) - BV (1090) DESIGN DEL PRODOTTO INDUSTRIALE***AZZZZ052141 - DESIGN EXPLORER: EVENTI E INIZIATIVE DI DESIGN A SCELTA DELLO STUDENTE
051798 - ARTEFATTI PER NUOVE ECONOMIE COLLABORATIVE
Des (1 liv.)(ord. 270) - BV (1153) DESIGN DEGLI INTERNI***AZZZZ050737 - ARTEFATTI PER NUOVE ECONOMIE COLLABORATIVE
Des (1 liv.)(ord. 270) - BV (1154) DESIGN DELLA COMUNICAZIONE***AZZZZ050737 - ARTEFATTI PER NUOVE ECONOMIE COLLABORATIVE
Des (1 liv.)(ord. 270) - BV (1155) DESIGN DELLA MODA***AZZZZ050737 - ARTEFATTI PER NUOVE ECONOMIE COLLABORATIVE
Des (1 liv.)(ord. 270) - BV (1156) DESIGN DEL PRODOTTO INDUSTRIALE***AZZZZ050737 - ARTEFATTI PER NUOVE ECONOMIE COLLABORATIVE

Programma dettagliato e risultati di apprendimento attesi

Intraprendere un viaggio nella complessità per avviare nuove imprese e creare valore.

Scoprirsi agenti del cambiamento, raccogliere le sfide e agire; mettere in gioco le proprie abilità progettuali per rispondere alle sfide economiche e realizzare inediti modelli imprenditoriali.

Gli argomenti trattati nel corso, affrontano, con il contributo di professionisti, temi di riflessione differenti: dall’economia, alla sociologia, alla pedagogia, fino alla gestione del progetto, nelle sue diverse fasi.

Il modulo didattico intende offrire agli studenti una reale opportunità per:

  • incontrare, comprendere differenti realtà sociali;

  • apprendere un metodo di lettura dei bisogni che porti a una dimensione di realizzazione [dall’idea progettuale alla sua prototipazione e sperimentazione];
  • compiere un’esperienza concreta di incontro con le figure del mondo del lavoro, della cooperazione e delle associazioni;

  • mettere a punto le proprie aspirazioni, le proprie attitudini, capire il valore della propria professionalità;

In termini operativi il corso chiede a progettisti [singolarmente o in gruppo] di:

  • entrare in contatto con persone, individui in specifici contesti;

  • formulare ipotesi di innovazione [concept - artefatti];

  • delineare proposte originali rispondenti a nuovi ambiti, sociali ed economici;

  • determinare impatti positivi [valore!] per specifici contesti.

Le ipotesi formulate dai progettisti, che trovassero riscontro da parte della rete che sostiene il programma formativo [imprese, cooperative, associazioni], potranno proseguire la fase di valutazione e perfezionamento, quindi concludere il progetto, con la definizione della proposta imprenditoriale.

Il percorso [viaggio] nell’attuale contesto socio-economico [complessità] prevede quattro macro-fasi:

  • [breve] allineamento riguardo significati e strumenti del «design/progetto»;

  • esperienze di incontro, di empatia con persone in condizioni di fragilità, in specifici contesti che presentano opportunità di innovazione, occasioni di sviluppo [individuazione della domanda];

  • colloqui con ricercatori e professionisti, con rappresentanti del mondo delle imprese, del terzo settore, in grado di offrire competenze per affrontare e risolvere i differenti aspetti dello sviluppo progettuale [definizione della proposta/risposta];

  • seminario/incontro a chiusura del corso tra progettisti e realtà che sostengono il programma formativo, per una prima verifica delle proposte di innovazione [opportunità di matching].


Note Sulla Modalità di valutazione

Il modulo didattico si chiuderà con la presentazione e illustrazione delle proposte progettuali. La valutazione verrà espressa in considerazione di:

  • la rispondenza del concetto di innovazione [concept] agli obiettivi concordati durante il corso;
  • l'efficacia, la capacità di illustrare la proposta di valore [value proposition].

Bibliografia
Risorsa bibliografica obbligatoriaZ. Bauman, Consumo, dunque sono, Editore: Laterza, Anno edizione: 2008
Risorsa bibliografica obbligatoriaE. Ries, Partire leggeri. Il metodo Lean Startup: innovazione senza sprechi per nuovi business di successo, Editore: Rizzoli Etas, Milano, Anno edizione: 2012
Risorsa bibliografica obbligatoriaM. Yunus, Si puo' fare. Come il business sociale puo' creare un capitalismo piu' umano, Editore: Feltrinelli, Anno edizione: 2010

Software utilizzato
Nessun software richiesto

Mix Forme Didattiche
Tipo Forma Didattica Ore didattiche
lezione
34.0
esercitazione
16.0
laboratorio informatico
0.0
laboratorio sperimentale
0.0
progetto
0.0
laboratorio di progetto
0.0

Informazioni in lingua inglese a supporto dell'internazionalizzazione
Insegnamento erogato in lingua Italiano

Note Docente
Agli studenti è consigliato di provvedere a redigere, con il supporto della docenza, un proprio un personale "quaderno di viaggio".
schedaincarico v. 1.8.0 / 1.8.0
Area Servizi ICT
30/01/2023