logo-polimi
Loading...
Risorse bibliografiche
Risorsa bibliografica obbligatoria
Risorsa bibliografica facoltativa
Scheda Riassuntiva
Anno Accademico 2017/2018
Scuola Scuola del Design
Insegnamento 051348 - CULTURE VISIVE
Docente Legrenzi Susanna
Cfu 6.00 Tipo insegnamento Monodisciplinare

Corso di Studi Codice Piano di Studio preventivamente approvato Da (compreso) A (escluso) Nome Sezione Insegnamento
Des (Mag.)(ord. 270) - BV (1160) DESIGN DEL PRODOTTO PER L'INNOVAZIONEPR1AZZZZ050576 - CULTURE VISIVE
Des (Mag.)(ord. 270) - BV (1261) INTEGRATED PRODUCT DESIGNIP1AZZZZ051348 - CULTURE VISIVE

Programma dettagliato e risultati di apprendimento attesi

Quali sono i codici di narrazione del design contemporaneo?

Chi contribuisce a creare il mainstream?

Quali sono le fonti più autorevoli?

Che rapporto esiste tra progettazione e rappresentazione del progetto?

E, ancora, quali sono le leve fondamentali per la costruzione di uno storytelling?

 

Il corso ha l’obiettivo di trasmettere agli studenti un metodo d’indagine all’interno dei sistemi di rappresentazione del progetto, la dimensione del prodotto e le sue appendici comunicative.

Lo scenario di riferimento è un universo mainstream sempre più ibrido e complesso, in cui lo studente è invitato a prendere una posizione, sviluppando un punto di osservazione critico e partecipe.

Il corso prevede una serie di lezioni frontali volte a introdurre una serie di macrotemi d’indagine, che abbracceranno alcune parole chiave del design contemporaneo, attraverso stimoli provenienti da layer on-line e off-line, codici alti e popolari, informazioni “dirette” e “differite”. Il corso metterà in risalto l'esperienza pratica, affidando agli studenti lavori di ricerca, finalizzati alla presentazione in aula di case history significative, nella consapevolezza che la narrazione in sé è anche processo di scoperta.

Professionisti che operano dal settore della comunicazione agiranno come ospiti critici, fornendo approfondimenti della pratica professionale corrente.

Culture Visive, dunque, come strumento d’indagine nell’universo “sovrascritto” della comunicazione ma anche come strumento di progettazione attiva per maturare la consapevolezza che la capacità di “costruire” storie è parte integrata dei processi di progettazione.

Tre i focus di indagine: Food design, Good Design 2000-2017, Design for Us.

Cinquanta, infine, il numero di designer che campioneramo in aula con ricerche individuali e di gruppo volte ad approfondire la scena internazionale.


Note Sulla Modalità di valutazione

All'esame verrà richiesto di presentare tutti gli elaborati svolti durante il semestre. In dettaglio: una ricerca a scelta sui macrotemi presentati durante il corso e tre ricerche di approfondimento su altrettanti designer attivi sulla scena internazionali approfonditi in aula. La valutazione terrà conto della capacità di analisi e sintesi delle nuove conoscenze, della capacità di creare dei collegamenti con altri contenuti approfonditi a lezione, nonché della qualità grafica degli elaborati. 


Bibliografia
Risorsa bibliografica obbligatoriaMassimo Vignelli, Il canone Vignelli , Editore: Postmedia Books, ISBN: 9788874900664
Risorsa bibliografica obbligatoriaDeyan Sudjic, Il linguaggio delle cose, Editore: Laterza
Risorsa bibliografica obbligatoriaGiulio Castelli, Paola Antonelli, Francesca Picchi, La fabbrica del design, Editore: Skira

Software utilizzato
Nessun software richiesto

Mix Forme Didattiche
Tipo Forma Didattica Ore didattiche
lezione
43.0
esercitazione
7.0
laboratorio informatico
0.0
laboratorio sperimentale
0.0
progetto
0.0
laboratorio di progetto
0.0

Informazioni in lingua inglese a supporto dell'internazionalizzazione
Insegnamento erogato in lingua Italiano

Note Docente
schedaincarico v. 1.7.0 / 1.7.0
Area Servizi ICT
26/05/2022