logo-polimi
Loading...
Risorse bibliografiche
Risorsa bibliografica obbligatoria
Risorsa bibliografica facoltativa
Scheda Riassuntiva
Anno Accademico 2017/2018
Scuola Scuola del Design
Insegnamento 097392 - LABORATORIO DI FONDAMENTI DEL PROGETTO
Docente Crespi Luciano , Di Prete Barbara , Isgro' Emilio
Cfu 12.00 Tipo insegnamento Laboratorio

Corso di Studi Codice Piano di Studio preventivamente approvato Da (compreso) A (escluso) Nome Sezione Insegnamento
Des (1 liv.)(ord. 270) - BV (1087) DESIGN DEGLI INTERNII1AZZZZA097392 - LABORATORIO DI FONDAMENTI DEL PROGETTO

Programma dettagliato e risultati di apprendimento attesi

Il programma intende fornire i fondamenti necessari per poter affrontare la progettazione di un ambiente, interno ed esterno. Come nella musica solfeggio ed esercizi sullo strumento procedono di pari passo, così saranno fornite conoscenze relative alla natura dello spazio, nelle sue relazioni con l’utente e gli oggetti che lo attrezzano; al carattere dello spazio, inteso come qualità che prescinde dalle funzioni; agli aspetti normativi ed ergonomici. Tali conoscenze saranno propedeutiche e accompagneranno le due esercitazioni progettuali, svolte a piccoli gruppi.

Verranno tenute lezioni teoriche e illustrati casi studio su temi propri della contemporaneità:

-          il design d’interni nella contemporaneità

-          da spazio nasce spazio

-          nuovi riti dell’abitare

-          interni come esterni, esterni come interni

In particolare un ciclo di lezioni seminariali sarà tenuto da Emilio Isgrò, noto artista contemporaneo che offrirà una sua personale lettura delle dinamiche progettuali che indirizzano la contemporaneità, con uno sguardo privilegiato su quegli orizzonti artistici che costituiscono un prezioso alimento, un riferimento e una guida anche per il progetto di interni.

Emilio Isgrò - artista concettuale e pittore, ma anche poeta, scrittore, drammaturgo e regista - è infatti tra gli artisti italiani più conosciuti e prestigiosi a livello internazionale, avendo dato vita a una tra le più rivoluzionarie e originali opere nell’ambito delle seconde Avanguardie degli anni Sessanta. Dalla mostra al MoMA di New York del 1992 alla triplice esposizione dedicatagli nel 2016 da Milano, sua città di adozione, Isgrò continua a provocare ed offrire interpretazioni visionarie che intendono stimolare gli studenti, fin dai loro primi passi universitari, ad assumere un atteggiamento critico e innovativo.

Obiettivo del corso è quindi mettere ogni studente, indipendentemente dal suo talento, nella condizione di poter affrontare in modo consapevole un progetto d’interni, sapendo governare le diverse fasi che lo caratterizzano e con il necessario equilibrio tra attività di ricerca, di studio e attività di progetto.

In particolare il Laboratorio prevede inizialmente un’esercitazione preliminare sul tema dell'abitare minimo, organizzata secondo una “grammatica” progettuale che verrà illustrata agli studenti con un approccio ludico ma scientificamente fondato (in una interpretazione in chiave spaziale degli esercizi letterali proposti da Umberto Eco); attraverso questo metodo ogni studente sarà stimolato a ricercare forme innovative di soluzioni per gli spazi abitativi di piccole dimensioni, secondo una procedura guidata e mirata ad acquisire una sintassi che prescinde dalla collocazione degli spazi in un contesto territoriale reale. La restituzione del lavoro sarà fatta attraverso disegni e, in modo particolare, realizzando modelli in scala 1:20.

Seguirà un'esercitazione finale costituita da una prima fase destinata ad investigare il tema dato, anche attraverso analisi di casi studio e ricerche. Quindi da una seconda fase indirizzata alla elaborazione di modelli innovativi di risposta al tema, fondati sull'introduzione di dispositivi flessibili, reversibili, di natura allestitiva. Tali modelli saranno poi applicati a realtà esistenti, al fine di verificarne sperimentalmente la loro efficacia.

La scelta dei linguaggi progettuali dovrà tenere conto della migliore tradizione del design degli interni. Dovranno, a questo fine, essere prese in considerazione dallo studente le diverse strategie progettuali contenute, e considerate esemplari, all'interno del libro di testo "Da spazio nasce spazio". Nell'esercitazione finale le soluzioni progettuali adottate saranno restituite attraverso schizzi, disegni tecnici, modelli e una breve presentazione a video, comprensiva di una colonna sonora coerente con le scelte progettuali effettuate.


Note Sulla Modalità di valutazione

Nel corso dell'anno verranno svolte due prove intermedie in itinere. La valutazione finale terrà conto in modo particolare dei risultati dell'esercitazione conclusiva, ed in parte dei risultati delle prove in itinere. Sarà valutata l’acquisizione da parte dello studente di una convincente modalità di lavoro, di una personale capacità di giudizio critico, di una sufficiente conoscenza delle migliori esperienze nell'ambito del design degli interni.


Bibliografia
Risorsa bibliografica obbligatoriaLuciano Crespi, Da spazio nasce spazio. L'interior design nella trasformazione degli ambienti contemporanei, Editore: Postmedia Books, Anno edizione: 2013

Mix Forme Didattiche
Tipo Forma Didattica Ore didattiche
lezione
80.0
esercitazione
20.0
laboratorio informatico
0.0
laboratorio sperimentale
6.0
progetto
0.0
laboratorio di progetto
14.0

Informazioni in lingua inglese a supporto dell'internazionalizzazione
Insegnamento erogato in lingua Italiano

Note Docente
schedaincarico v. 1.6.6 / 1.6.6
Area Servizi ICT
24/07/2021