logo-polimi
Loading...
Risorse bibliografiche
Risorsa bibliografica obbligatoria
Risorsa bibliografica facoltativa
Scheda Riassuntiva
Anno Accademico 2017/2018
Scuola Scuola di Architettura Urbanistica Ingegneria delle Costruzioni
Insegnamento 099386 - LABORATORIO DI PROGETTAZIONE ARCHITETTONICA 3
Docente Bassoli Caterina Anna , Guidarini Stefano
Cfu 12.00 Tipo insegnamento Laboratorio

Corso di Studi Codice Piano di Studio preventivamente approvato Da (compreso) A (escluso) Nome Sezione Insegnamento
Arc - Urb - Cost (1 liv.)(ord. 270) - MI (1094) PROGETTAZIONE DELL'ARCHITETTURAMIAAZZZZM099386 - LABORATORIO DI PROGETTAZIONE ARCHITETTONICA 3

Programma comune

Il Laboratorio di progettazione 3  intende offrire allo studente la possibilità di una comprensione approfondita e critica del contesto a diverse scale di relazione: locale, urbana, del territorio e del paesaggio. In quest’ottica il progetto affronta situazioni complesse, in relazione alle quali vengono elaborate le modalità insediative, i molteplici contenuti funzionali, i principî tipologici, la forma architettonica e le tecnologie appropriate. Lo studente, durante l’attività progettuale, muovendo dallo studio e dall’interpretazione del contesto, giunge alla definizione formale e costruttiva dell’organismo architettonico declinato alle diverse scale.

Il Laboratorio intende approfondire alcuni nodi rilevanti del processo progettuale e della composizione architettonica, quali le relazioni con la città e il paesaggio, con la storia e con la tecnica, l’articolazione tipologica e morfologica degli edifici e degli insediamenti, la definizione formale in rapporto al carattere espressivo dell’architettura.

Attraverso l’elaborazione del progetto di organismi architettonici complessi, di interventi sul costruito o di riqualificazione urbana e del paesaggio, il Laboratorio si pone l’obiettivo di formare e organizzare le competenze relative alle modalità di controllo delle diverse fasi del processo progettuale, dalla messa a punto dell’idea fino alla stesura degli elaborati, con sufficienti gradi di approfondimento e dettaglio.


Programma dettagliato e risultati di apprendimento attesi

LABORATORIO DI PROGETTAZIONE ARCHITETTONICA 3 – III ANNO – I Semestre

 

 

POLITECNICO DI MILANO. SCUOLA DI ARCHITETTURA URBANISTICA INGEGNERIA DELLE COSTRUZIONI. A.A. 2017-2018

 

CORSO DI LAUREA TRIENNALE IN PROGETTAZIONE DELL’ARCHITETTURA. LABORATORIO DI PROGETTAZIONE ARCHITETTONICA 3 – III ANNO – I Semestre

 

Composizione architettonica: prof. Stefano Guidarini. Progettazione architettonica: prof. Nina Bassoli. 

Collaboratori: architetti Maite Garcia Sanchis, Luca Salmoiraghi, Cristina Mazzola, Pietro Pizzi, Neri D’Alessandro.

 

Il Laboratorio affronta la progettazione di spazi aperti, edifici e luoghi di uso pubblici, residenze e spazi per il lavoro, dei quali si approfondiscono le relazioni con la complessità della realtà urbana contemporanea.

Il tema di progetto sono i Community Hub chesono, in estrema sintesi,  strutture private al servizio della comunità all’insegna dell’inclusione sociale.

Sono spazi di produzione e di lavoro intellettuale in diverse forme, che comprendono la cultura, l’artigianato, le libere professioni, anche in forma di start-up.

Sono anche luoghi di residenza temporanea in varie forme (mini-alloggi, residenze per studenti o lavoratori visiting, ostello o pensione).

Vi sono alcuni spazi specializzati e altri polivalenti, che ospitano attività differenti nel corso della giornata o dei giorni della settimana: al mattino e a mezzogiorno si mangia; al pomeriggio si organizzano i doposcuola per ragazzi e bambini; alla sera si cena o si organizzano corsi, o proiezioni, o feste.

 

La definizione dello spazio aperto ha un ruolo fondamentale. Gli edifici possono essere visti come una particolare concentrazione di materia edilizia all’interno di un più generale progetto del suolo.

Particolare importanza ha il problema della logica costruttiva, intesa come insieme di coerenze logiche tra spazio, linguaggio, distribuzione, tecnologia, impianti e strutture, contro l’arbitrarietà della forma.

 

 MODALITA’ DI LAVORO

Il progetto è svolto durante il primo semestre. I docenti seguiranno gli studenti per tutta l’evoluzione del progetto. Agli studenti saranno forniti i materiali cartografici di base.

Gli studenti saranno divisi in gruppi, min. 2 e max 3 persone ciascuno. La composizione dei gruppi è lasciata agli studenti, salvo verifica dei docenti.

 

MODALITA’ D’ESAME

L’esame consiste in una discussione sul progetto e in una verifica orale degli argomenti trattati nella bibliografia e delle lezioni.

Per sostenere l’esame lo studente dovrà aver dimostrato di essere presente ad almeno il 75% delle lezioni 

 

AREE DI PROGETTO

Le aree d’intervento sono a Milano, in zona Bovisa.

 

CONTENUTI FUNZIONALI

Si procederà nel seguente modo:

a. Assegnazione dell’area di progetto.

b. Discussione con ciascun gruppo per la redazione del programma funzionale.

c. Progetto.

 

Saranno approfonditi i rapporti tra la residenza e lo spazio pubblico della città. Non saranno previsti spazi aperti privati al piano terra (corti, cortili, giardini privati o condominiali, ecc.).

Saranno approfonditi anche i temi della residenza temporanea. Per quanto riguarda le residenze per studenti, verranno forniti criteri progettuali e normative.

 

  

È prevista una consegna intermedia nel mese di novembre.

 

Al momento dell’esame dovrà essere consegnato un CD contenente tutti gli elaborati di progetto, in formato JPG.

La resa grafica del progetto è materia di giudizio. Una scelta sbagliata degli stili di stampa sarà considerata come un disegno male eseguito.

 

Bibliografia

- Rafael Moneo, Inquietudine teorica e strategia progettuale nell’opera di otto architetti contemporanei, Electa, Milano 2007.

- Le parole dell’architettura. Un’antologia di testi storici e critici: 1945-2000, a cura di Marco Biraghi e Giovanni Damiani, Einaudi, Torino 2009.

- Stefano Guidarini, Il mutevole concetto di tipo, Maggioli Editore, Santarcangelo di Romagna 2009.

- Stefano Guidarini, Non solo Housing. L’abitare condiviso, utopie realizzate, Milano 2017 (di prossima pubblicazione).

- Anthony Vidler, Il perturbante dell'architettura, Einaudi, Torino 2006.

 

Oltre alla bibliografia specifica che sarà fornita durante il semestre.

 


Note Sulla Modalità di valutazione

MODALITA’ D’ESAME

L’esame consiste in una discussione sul progetto e in una verifica orale degli argomenti trattati nella bibliografia e delle lezioni.

Per sostenere l’esame lo studente dovrà aver dimostrato di essere presente ad almeno il 75% delle lezioni 


Bibliografia
Risorsa bibliografica obbligatoriaRafael Moneo, Inquietudine teorica e strategia progettuale nellâ¿opera di otto architetti contemporanei,, Editore: Electa, Anno edizione: 2007
Risorsa bibliografica obbligatoriaa cura di Marco Biraghi e Giovanni Damiani, Le parole dellâ¿architettura. Unâ¿antologia di testi storici e critici: 1945-2000, Editore: Einaudi, Anno edizione: 2009
Risorsa bibliografica obbligatoriaStefano Guidarini, Il mutevole concetto di tipo, Editore: Maggioli, Anno edizione: 2017
Risorsa bibliografica obbligatoriaStefano Guidarini, Precisazioni sullâ¿housing sociale in Italia, Editore: Maggioli, Anno edizione: 2017
Risorsa bibliografica obbligatoriaAnthony Vidler, Il perturbante dell'architettura, Editore: Einaudi, Anno edizione: 2006

Mix Forme Didattiche
Tipo Forma Didattica Ore didattiche
lezione
56.0
esercitazione
39.0
laboratorio informatico
0.0
laboratorio sperimentale
0.0
progetto
0.0
laboratorio di progetto
62.0

Informazioni in lingua inglese a supporto dell'internazionalizzazione
Insegnamento erogato in lingua Italiano

Note Docente
schedaincarico v. 1.6.5 / 1.6.5
Area Servizi ICT
15/05/2021