logo-polimi
Loading...
Risorse bibliografiche
Risorsa bibliografica obbligatoria
Risorsa bibliografica facoltativa
Scheda Riassuntiva
Anno Accademico 2016/2017
Scuola Scuola di Architettura Urbanistica Ingegneria delle Costruzioni
Insegnamento 050512 - LABORATORIO DI CONSERVAZIONE DELL'EDILIZIA STORICA
Cfu 12.00 Tipo insegnamento Laboratorio
Docenti: Titolare (Co-titolari) Carlessi Mariangela, Caliari Pier Federico Mauro

Corso di Studi Codice Piano di Studio preventivamente approvato Da (compreso) A (escluso) Nome Sezione Insegnamento
Arc - Urb - Cost (1 liv.)(ord. 270) - MI (1094) PROGETTAZIONE DELL'ARCHITETTURAMIAAZZZZA050512 - LABORATORIO DI CONSERVAZIONE DELL'EDILIZIA STORICA

Programma dettagliato e risultati di apprendimento attesi

LABORATORIO DI CONSERVAZIONE DELL’EDILIZIA STORICA

Si pone lo scopo di formare lo studente alla lettura e all'analisi del patrimonio costruito, offrendo strumenti e metodi per l’apprendimento di un corretto percorso conoscitivo preliminare al progetto, che ogni sezione interpreta a scale diverse, da quella urbana, architettonica fino al dettaglio. Parte fondamentale dell'iter formativo è costituita dall'esercitazione applicativa su un caso di studio scelto dai docenti, accompagnata da lezioni introduttive ex cathedra.


MODULO DI FONDAMENTI DI PROGETTAZIONE PER L'EDILIZIA STORICA (8 CFU)
Prof Mariangela Carlessi

L’insegnamento prevede di approfondire il tema della conservazione e della lettura multidisciplinare del costruito. Si tratteranno in particolare gli aspetti relativi alla lettura applicata alla materia della fabbrica: dal rilievo geometrico, al rilievo dei materiali costitutivi, al riconoscimento delle forme di invecchiamento e di degrado dei materiali, alle tecniche per la conservazione dei materiali stessi.

Si esamineranno gli elementi che compongono il costruito (murature, solai, volte, coperture, ecc.), i materiali e le tecniche impiegati, sia in termini di conoscenza generale di materiali, metodi e tecniche costruttive del cantiere dell’edilizia storica, sia in rapporto alle specifiche caratteristiche dell’edificio preso in esame per l’esercitazione.

Durante l’esercitazione gli studenti, organizzati in piccoli gruppi, procederanno alle operazioni di rilievo longimetrico, all’identificazione degli elementi dell’architettura, al rilievo dei materiali e del degrado, fino ad arrivare a formulare linee guida di progetto e ipotesi per la conservazione dei materiali stessi, presenti in opera.

Lo studente alla fine del Laboratorio dovrà essere in grado di operare valutazioni analitiche su edifici esistenti, riportarne la lettura in elaborati che restituiscano con precisione la qualità dell'edificio e fornire linee guida per il progetto e la sua valorizzazione. Tale formazione costituisce una efficace base per affrontare, con maggior approfondimento, i temi progettuali del restauro (l’intervento di riuso, di rifunzionalizzazione, di consolidamento, ecc.), riservati al percorso della Laurea Magistrale.

 

MODULO DI ARCHITETTURA DEGLI INTERNI (4 CFU)
Prof Pier Federico Caliari

L’insegnamento si confronterà con i temi del Laboratorio sotto l’aspetto della Museografia, la disciplina dell’esporre che studia le relazioni tra architettura e collezioni. Oggetto dell’insegnamento è quindi il rapporto tra spazio architettonico e opera d’arte, attraverso la mediazione del progetto espositivo, con le sue tecniche e le sue articolazioni metodologiche, sia quelle consolidate nel tempo, sia quelle di nuova generazione.
E’ previsto, da parte degli studenti un contributo progettuale specificatamente legato alle tecniche di allestimento museografiche riferito ad uno spazio espositivo che sarà parte integrante di quello più ampio, a sua volta oggetto del Laboratorio.
La prospettiva attraverso la quale si affronterà il progetto sarà quella dell’installazione temporanea (un ambito che offre occasione di grande libertà di sperimentazione progettuale e di espressione formale). Gli studenti saranno quindi invitati a progettare lo spazio architettonico e a selezionare l’opera o le opere che costituiscono la collezione da esporre.
L’insegnamento prevede inoltre un ciclo di lezioni ex-cathedra, tenute dal docente sugli argomenti inerenti la disciplina, le tecniche del mostrare, ed i temi stessi che sono alla base del progetto degli studenti.

 

BIBLIOGRAFIA
- Amedeo Bellini (a cura di), Tecniche della conservazione, Editore: Angeli, Anno edizione: 2003
- Giovanni Carbonara (a cura di), Trattato di restauro architettonico, Editore: Utet, Anno edizione: 1996
- Stefano F. Musso, Recupero e restauro degli edifici storici, Editore: EPC Libri, Anno edizione: 2004
- Umberto Menicali, I materiali dell'edilizia storica, Editore: NIS, Anno edizione: 1992
Serena Pesenti (a cura di), Il Progetto di Conservazione, Alinea, 2001
- Pier Federico Caliari, La Forma dell’Effimero. Tra allestimento e architettura, tra architettura allestimento e architettura: compresenza di codici e sovrapposizione di tessiture. Editore: Lybra Immagine, Anno edizione: 2000
- Pier Federico Caliari, Architettura per l’Archeologia. Museografia e Allestimento, Editore: Prospettive, Anno di Edizione: 2014

Oltre ai testi comuni a tutti i laboratori altri testi aggiuntivi saranno segnalati dai docenti delle singole sezioni dei laboratori, anche in relazione ai temi specifici di esercitazione. Eventuali altre indicazioni bibliografiche saranno fornite nel corso delle lezioni.


Note Sulla Modalità di valutazione


MODALITÀ DI VALUTAZIONE

La valutazione avverrà innanzitutto sulla verifica dei contenuti progettuali e, contestualmente, sui contenuti teorici che costituiscono il fondamento del laboratorio e degli insegnamenti integrati ad esso correlati. In particolare sarà verificato il raggiungimento dei risultati di apprendimento attesi, definiti in accordo con i seguenti parametri:
- 1 Conoscenza e capacità di comprensione (knowledge and understanding)
- 2 Capacità di applicare conoscenza e comprensione (applying knowledge and understanding)
- 3 Autonomia di giudizio (making judgements)
- 4 Abilità comunicative (communication skills)
- 5 Capacità di apprendimento (learning skills)
Le modalità di presentazione dei progetti, il corredo grafico-iconografico e quant’altro necessario alla verifica della qualità del processo progettuale e della consapevolezza dei contenuti, sarà concordato con la docenza.


Bibliografia

Software utilizzato
Nessun software richiesto

Mix Forme Didattiche
Tipo Forma Didattica Ore didattiche
lezione
56.0
esercitazione
39.0
laboratorio informatico
0.0
laboratorio sperimentale
0.0
progetto
0.0
laboratorio di progetto
62.0

Informazioni in lingua inglese a supporto dell'internazionalizzazione
Insegnamento erogato in lingua Italiano
Disponibilità di materiale didattico/slides in lingua inglese
Possibilità di sostenere l'esame in lingua inglese
Disponibilità di supporto didattico in lingua inglese

Note Docente
schedaincarico v. 1.9.7 / 1.9.7
Area Servizi ICT
29/05/2024