logo-polimi
Loading...
Risorse bibliografiche
Risorsa bibliografica obbligatoria
Risorsa bibliografica facoltativa
Scheda Riassuntiva
Anno Accademico 2016/2017
Scuola Scuola di Architettura Urbanistica Ingegneria delle Costruzioni
Insegnamento 097755 - STORIA DELLE TECNICHE DI COSTRUZIONE
Docente Forni Maria Enrica Marica
Cfu 6.00 Tipo insegnamento Monodisciplinare

Corso di Studi Codice Piano di Studio preventivamente approvato Da (compreso) A (escluso) Nome Sezione Insegnamento
Arc - Urb - Cost (Mag.)(ord. 270) - MI (1136) ARCHITETTURAC15AZZZZ097755 - STORIA DELLE TECNICHE DI COSTRUZIONE
Arc - Urb - Cost (Mag.)(ord. 270) - MI (1142) INGEGNERIA DEI SISTEMI EDILIZISA3AZZZZ051047 - STORIA DELLE TECNICHE DI COSTRUZIONE

Programma dettagliato e risultati di apprendimento attesi

Programma del corso 

Il corso ha per oggetto la storia delle tecniche di costruzione come componente non separabile da una storia dell’architettura che non sia rinunciataria rispetto a una più viva e concreta accezione culturale.

Con questa finalità le lezioni seguiranno un filo conduttore che attraversa l’età moderna, articolato in temi e casi di studio esemplificati da architetture costruite o trasformate in un periodo a grandi linee compreso tra XV e XIX secolo. Questi sono intesi come approfondimenti finalizzati a suggerire percorsi metodologici di ricerca e analisi di fonti bibliografiche utili a scomporre e interpretare la complessità dell’architettura, a riconoscerne le tracce materiali ponendo particolare attenzione all’uso e alla produzione dei materiali e dei manufatti edilizi, alle tecniche costruttive e di manutenzione, ai ruoli e alle competenze delle maestranze attive nel cantiere di età pre-industriale.

Il corso intende soffermarsi in particolare sull’intreccio tra la concezione formale e la concezione costruttiva, analizzato attraverso esempi in cui siano leggibili le relazioni tra il progetto, le pratiche di cantiere e la messa a punto di innovazioni tecniche, di soluzioni tecnologiche, i tempi, i modi, della loro diffusione che saranno considerati in rapporto al contesto più generale storico, economico e scientifico e culturale.

Questo percorso consentirà agli studenti di verificare come l’ipotesi di una perfetta corrispondenza tra queste due componenti dell’arte di costruire, induca a una semplificazione fuorviante di aspetti più complessi dove lo scambio non è lineare, né trasparente, anzi talvolta è corrugato da asperità, interrotto da conflitti, dissimulato da retoriche che tuttavia esprimono le contraddizioni latenti tra architettura e mondo della produzione. Così il cantiere appare in ultima analisi come il luogo in cui si intersecano e ibridano i saperi empirici o più generalmente derivati dal mondo medievale delle arti - corporazioni e i saperi intellettualizzati all’interno dei quali si va strutturando dal XV secolo l’architettura come arte liberale.

La traccia, anche cronologica, del programma sarà costituita dall’analisi dei più diffusi trattati e manuali italiani e francesi dove la diversa attenzione al tema delle tecniche dell’architettura, alla selezione e alla caratterizzazione degli argomenti divulgati consente già di evidenziare la parzialità di una storia esclusivamente fondata su queste fonti. Il riferimento puntuale agli edifici considerati nella concretezza fisica dei materiali e degli elementi costruttivi, delle finiture, degli impianti costituisce infatti l’ambito complementare e ineludibile in cui verificare l’attendibilità delle informazioni portate dalla letteratura tecnica considerando anche i limiti di tempo e di luogo della sua diffusione. Queste chiavi di lettura incrociate consentiranno di precisare e ampliare le informazioni riconducibili alla storia della costruzione attraverso il confronto con quelle pratiche di cantiere che rinviano alla complessità dei saperi e delle conoscenze coinvolti.

Gli studenti potranno acquisire così le coordinate interpretative e metodologiche essenziali a tal genere di lettura, comprendendo come le specificità formali e tecnico-costruttive costituiscano ogni volta, in modo unico e irripetibile, una complessa specifica tessitura che è in primis una testimonianza di cultura materiale e come tale richiede il ricorso a molteplici strumenti analitici.

Bibliografia

Filippo De Cesaris, Gli elementi costruttivi tradizionali, in G. Carbonara ( acura di), Restauro architettonico, Torino, UTET, 1996, vol. II , sezione E, pp. 3-288.

Il testo obbligatorio è considerato come insieme minimo di nozioni di base e propedeutico agli approfondimenti che gli studenti svolgeranno a partire dalla bibliografia specifica che sarà indicata dal docente con riferimento agli argomenti trattati.

All'interno di questa bibliografia più specifica e dedicata ai temi e ai casi di studio trattati  gli studenti sceglieranno e concorderanno con il docente i testi relativi all'argomento oggetto di approfondimento e di discussione al colloquio d'esame.


Note Sulla Modalità di valutazione

La verifica dell'apprendimento consiste in un approfondimento bibliografico su un argomento concordato con il docente e discusso nel colloquio d'esame che sarà inteso a valutare anche le conoscenze generali acquisite dallo studente attraverso lo studio dei testi indicati, la frequenza alle lezioni in aula e ai seminari.


Bibliografia
Risorsa bibliografica obbligatoriaF. De Cesaris,, Gli elementi costruttivi tradizionali, in G. Carbonara (a cura di), Restauro architettonico, , Torino, UTET, 1996, vol.II, sezione E, pp. 3-288, ISBN: 88-02-04669-7
Note:

Il testo indicato e' da considerarsi propedeutico agli approfondimenti per i quali sara' indicata una specifica bibliografia.


Software utilizzato
Nessun software richiesto

Mix Forme Didattiche
Tipo Forma Didattica Ore didattiche
lezione
33.0
esercitazione
27.0
laboratorio informatico
0.0
laboratorio sperimentale
0.0
progetto
0.0
laboratorio di progetto
0.0

Informazioni in lingua inglese a supporto dell'internazionalizzazione
Insegnamento erogato in lingua Italiano
Disponibilità di libri di testo/bibliografia in lingua inglese
schedaincarico v. 1.6.9 / 1.6.9
Area Servizi ICT
21/10/2021