logo-polimi
Loading...
Risorse bibliografiche
Risorsa bibliografica obbligatoria
Risorsa bibliografica facoltativa
Scheda Riassuntiva
Anno Accademico 2014/2015
Scuola Scuola di Architettura e Società
Insegnamento 095956 - FONDAMENTI DI CONSERVAZIONE DELL'EDILIZIA STORICA
Docente Maramotti Anna Lucia
Cfu 4.00 Tipo insegnamento Monodisciplinare

Corso di Studi Codice Piano di Studio preventivamente approvato Da (compreso) A (escluso) Nome Sezione Insegnamento
Arc - Urb - Cost (1 liv.)(ord. 270) - MI (1094) PROGETTAZIONE DELL'ARCHITETTURAMNAAZZZZ095956 - FONDAMENTI DI CONSERVAZIONE DELL'EDILIZIA STORICA

Programma dettagliato e risultati di apprendimento attesi

Il corso ha come obiettivo principale quello di creare una coscienza critica circa il valore dell'Edilizia Storica.

Il corso avrà una scansione  per moduli. Lo scopo è quello di consentire agli Studenti  d'affrontare gradualmente  i problemi teorici della Conservazione, di dare competenze storico-culturali, di avviare allo studio dei manufatti architettonici.

A tale scopo, attraverso una serie di quesiti, verrà verificato di quali conoscenze è in possesso lo Studente e con quale atteggimento culturale si avvicina alla disciplina

Prima di procedere allo studio e alla comparazione fra le Teorie del Restauro e la Storia del Restauro ad esse contestuale, è necessario far precedere una riflessione:1) sul Prerestauro (la lunga fase in cui la prassi del restauro non era oggetto di riflessione, ma di un "saper fare" dettato da motivazioni non espresse se pur individuabili), 2)sul Protorestauro (la fase attenta ai beni archeologici, periodo che va dalla metà del XVIII secolo ai primi del XIX secolo),3) sugli Storicismi (Romantico-Idealista, Neo-kantiano, Giusnaturalista,  tre condizioni storico-culturali che hanno consentito la riflessione sul valore dell'Architettura del passato e conseguentemente la necessità di conservarla e d'individuare modalità congrue alla sua salvaguardia)

A questo approccio storico seguirà uno studio approfondito delle Teorie del Restauro in Architettura e della Storia del Restauro:

Teorie: 1l'approccio del restauro a Roma fra il periodo Napoleonico e quello dello Stato della Chiesa, 2le prime forme di legislazione di salvaguardia, 3 l'approccio al restauro in Francia, 4 E. Viollet-le-Duc, 5 le conseguenze del Restauro Stilistico, 6 l'approccio al resturo in Inghilterra, 7 J. Ruskin, 8 W. Morris e la S.p.a.b, 9 le conseguenze della teoria della Conservazione, 10 l'approccio al restauro in Italia,11 il Restauro Analogico, 12 il Restauro Storico, 13  L. Beltrami, 14 il Restauro Filologico, 15) C. Boito, 16) il Restauro Scientifico, 17 G. Giovannoni, 18 Il Restauro sotto l'influenza di del Pensiero Neo-kantiano e della Scuola di Vienna, 19 A. Riegl, 20 A. Dvorak, 21 Il Restauro Critico, 22 l'influenza di B. Croce, 23 R. Pane, 24 l'influenza di G. Gentile, 25 R. Bonelli, 26 il restauro Tipologico, 27 S. Muratori, 28 Il Restauro Critico- fenomenologico, 29 l'influenza di E. Husserl, 30 C. Brandi

Contestualmente verrà presentata la Storia del Restauro Architettonico: casi, metodi d'approccio, infleunze,  competenze preprogettuali, progetti, realizzazioni, conservazioni.

Contemporaneamente verranno  presentate Le Carte del Restauro, la Normativa e la Legislazione

Da ultimo, sarà oggetto di studio il Dibattito Attuale: Scuole a confronto. Si intende condurre gli Studenti ad una lettura dei testi dei singoli autori contemporanei. Sarà questo un momento di riflessione in base a quanto è stato acquisito durante il corso.  Gli Studenti in gruppo o singolarmente presentaranno un proprio elaborato circa lo studio su un autore contemporaneo (argomento definito col Docente)

RISULTATI DI APPRENDIMENTO PREVISTI:

1) Conoscenza e capacità di comprensione (Knowledge and understanding):  si richeide una conoscenza adeguata delle Teorie del Rstauro e della Storia del Restauro. 2) Capacità di applicare conoscenze e comprensione (applyingknowledge and understanding): si richeide che le conoscenze ottenute possano essere propositive per affrontare i successivi corsi di Progettazione della Conservazione. 3) Autonomia di giudizio (mekigjudgements):  si vuole raggiungere, come espresso nel programma, da parte di ciascuno Studente una conoscenza critica nell'affrontare la Conservazione e un approccio intellettuale volto ad individuare i percorsi più consoni per passare dalla riflessione all'operatività. 4) Abilità comunicative (comunicationskills): è necessario che lo Studente dimostri di possedere un adeguato modo di comunicare per iteragire con i soggetti coinvolti se pur a divero titolo (la Committenza, l'Utenza, la comunicazione con i Fruitori) . 5) Capacità di Apprendimento (learningslills):si ha come obiettivo lo sviluppo della capacità d'apprendere il valore dell'edilizia storica come bene da salvaguardare in ordine alla "complessità" dei segni storici e culturali che manifesta e alla possibilità ad essa intrinseche come "bene ancora pienamente attivo ed utile". 

 

 

 

 

 

 

 

 

 


Note Sulla Modalità di valutazione

Prova scritta: domande di carattere teorico a risposta aperta relative alle Teorie del Restauro, alla Normativa, alla Storia del Restauro. Agli Studenti verrano preventivamente date indicazioni per la preparazione all'esame attraverso un percorso di studio per ciascun argomento.

Valutazione della presentazione degli elaborati di ricerca sugli Autori Contemporanei. Gli Studenti debbono dimostrare conoscenza dell'Autore, studio puntuale  del testo oggetto di studio, capacità critica. Inoltre, debbono saper dimostrare che tipo di progettualità viene prevista dall'Autore. 

Discussione sull'argomento presentato e comparazione con quanto oggetto di studio dei Compagni di Corso.

Il risultato finale sarà costituito dalla media delle prove.


Bibliografia
Risorsa bibliografica obbligatoriaA. Bellini, Teorie del Restauro e Conservazione Architettonica, in Tecniche della Conservazione , Editore: F. Angeli, Anno edizione: 1986, ISBN: 9788820497767
Risorsa bibliografica obbligatoriaa cura di Stella Casiello, La Cultura del Restauro. Teorie e Fondatori, Editore: Marsilio, Anno edizione: 1996, ISBN: 8831764322
Risorsa bibliografica obbligatoriaP. Torsello, Che cos'è il restauro?, Editore: Marsilio, Anno edizione: 2005, ISBN: 9788831786454
Risorsa bibliografica facoltativaG.Carbonara, Avvicinamento al restauro, Editore: Liguori, Anno edizione: 1999, ISBN: 8820723123
Risorsa bibliografica facoltativaAnna L. Maramotti, La materia del restauro, Editore: F. Angeli, ISBN: 978882043812

Software utilizzato
Nessun software richiesto

Mix Forme Didattiche
Tipo Forma Didattica Ore didattiche
lezione
30.0
esercitazione
10.0

Informazioni in lingua inglese a supporto dell'internazionalizzazione
Insegnamento erogato in lingua Italiano

Note Docente
Ulteriori indicazioni bibliografiche d'approfondimento verranno date durante il Corso agli Studenti interessati.
schedaincarico v. 1.7.2 / 1.7.2
Area Servizi ICT
01/07/2022