logo-polimi
Loading...
Risorse bibliografiche
Risorsa bibliografica obbligatoria
Risorsa bibliografica facoltativa
Scheda Riassuntiva
Anno Accademico 2014/2015
Scuola Scuola del Design
Insegnamento 086786 - LABORATORIO DI METAPROGETTO
Docente Celi Manuela , Lavizzari Francesca
Cfu 10.00 Tipo insegnamento Laboratorio

Corso di Studi Codice Piano di Studio preventivamente approvato Da (compreso) A (escluso) Nome Sezione Insegnamento
Des (1 liv.)(ord. 270) - BV (1156) DESIGN DEL PRODOTTO INDUSTRIALEPROCIANFLONEGUOA086786 - LABORATORIO DI METAPROGETTO

Programma dettagliato e risultati di apprendimento attesi

IL LAB di METAPROGETTO: un percorso metodologico

Il Laboratorio propone un percorso metodologico per l'acquisizione delle prime competenze progettuali: tecniche e metodi di ricerca per la comprensione del sistema dei prodotti, letture interpretative del contesto di progetto, capacità di inserire il prodotto in uno scenario d'uso.
Il laboratorio proporrà una serie di lezione teoriche affiancate ad attività pratiche propedeutiche alla progettazione, con l'obiettivo di definire e comprendere le dinamiche del mercato di riferimento, indagare gli aspetti tecnologici e le modalità produttive legate al prodotto indagato, analizzare le valenze tipologico-formali.

Il tema di progetto verrà affrontato perseguendo i seguenti obiettivi

1. comprendere il mercato di riferimento e strutturare un repertorio merceologico;
2. definire le caratteristiche dei principali competitors e i fattori di vantaggio competitivo;
3. mappatura dei bisogni;
4. definizione del concept di prodotto;
5. definire e descrivere tecnicamente le caratteristiche principali del prodotto;
6. definire e progettare il sistema della comunicazione.

IL TEMA

Il laboratorio parte da un indagine sul campo eseguita nei locali di intrattenimanto di Milano. A partire dall'analisi di contesti volutamente vicini o paradossalmente molto lontani - a seconda dei casi - lo studente potrà più facilmente comprendere le ragioni della ricerca pre-progettuale e il suo ruolo fondamentale nel processo di progettazione. I locali di intrattenimento forniranno agli studenti indicazioni per l'analisi ambientale ma anche informazioni sugli utenti, un repertorio merceologico di riferimento e consentiranno essenzialmente di poter scegliere fra alcuni ambiti merceologici preferenziali come arredo e complementi d'interni, illuminazione, settore tavola e cucina, ma anche altri meno consueti.

Il lavoro sarà articolato in tre main-step.

1°STEP

CONTESTO, ATTORI, BISOGNI

Definizione del sistema di vincoli di progetto

In questa fase ci si propone in primo luogo di analizzare il contesto di riferimento prendendo in considerazione l’ambiente (spazi, allestimenti, oggetti, sistemi e tipologie di illuminazione…) e i soggetti coinvolti – ossia tutti gli attori legati al contesto dai gestori, agli operatori, agli utenti – con i loro comportamenti e i loro bisogni. Secondariamente, tramite una ricerca desk, ci si propone di analizzare il mercato di riferimento prendendo in considerazione l’azienda e i competitors per mercato e/o tipologia di prodotto. Obiettivo di questa settimana è la definizione di un sistema di vincoli legati al mercato, alla produzione.

Individuati in seguito i tratti problematici di tutto il contesto e identificate delle tipologie di utente di riferimento sarà necessario individuare esplicitare i bisogni attraverso tavole analitiche che costituiranno la base per la definizione dei concept di progetto e lo sviluppo progettuale nelle fasi successive.

Obiettivo di questa fase è la corretta analisi ambientale, lo sviluppo della capacità di mettere in relazione oggetti e allestimenti nello spazio, l’identificazione e la comprensione dei soggetti coinvolti, la capacità di restituzione dei contenuti analitici attraverso l’esplicitazione di una serie di problemi di progetto nonchè lo sviluppo e la partecipazione alle attività di gruppo.

 

2° STEP

PROBLEM SETTING: BISOGNI, INSPIRATIONS e BRIEF

Definizione della strategia di intervento progettuale

Individuati i tratti problematici del contesto, identificate delle tipologie di utente di riferimento e valutato il mercato obiettivo, sarà necessario restituire una mappatura dei bisogni riferita ai tre livelli di analisi, individuare un ambito problematico progettuale (cosa vogliamo progettare per rispondere a uno o più bisogni individuati?) e proporre uno scenario di riferimento. La ricerca “blue-sky” aprirà agli aspetti più soft del progetto ma non dovrà essere scollegata dalla prima fase di ricerca, i bisogni derivati da contesto, utenti e impresa fungeranno da filtro per la fase ideativa. La proposta degli scenari verrà concretizzata attraverso un forte contributo di ricerca iconologica che da un lato ricostruisce gli stili di vita del contesto (come è e/o come lo vorremmo) dall’altro raccoglie e restituisce in modo immediato le “inspiration” per il futuro prodotto.

Obiettivo di questa fase è la sintesi critica della fase analitica, lo sviluppo della capacità di mettere in relazione bisogni e requisiti di progetto, l’identificazione di modelli e inspiration che portino alla generazione del concept di prodotto come esito finale.

 

3° STEP

SVILUPPO PRODOTTO

Definizione della caratteristiche di prodotto

Definito il concept di prodotto lo studente dovrà affrontare la definizione delle caratteristiche fisiche e tecniche del prodotto: forma, tecnologie, matieriali, modalità produttive, finiture, gamma cromatica...etc. 

Nella definizione delle caratteristiche di prodotto non verranno tralasciate le caratteristiche funzionali del prodotto, le modalità d'uso, e la relazione con l'utente che dovrà rispondere ai bisogni identificati in fase 2.

La fase finale del corso prevede la realizzazione di una mostra didattica partecipata in cui gli studenti si occuperanno di progettare allestire e gestire l'intero evento.

 

 

 


Note Sulla Modalità di valutazione

Il laboratorio è organizzato in gruppi ma la valutazione è individuale. La valutazione tiene conto dell'elaborato finale e delle prove in itinere scritte o grafiche. Gli elementi valutazione sono la capacità di analisi e di sintesi progettuale; l'approfondimento degli aspetti di ricerca; la coerenza metodologica del percorso seguito; gli elementi di innovazione progettuale; la chiarezza espositiva l'abilità nella visualizzazione delle risposte progettuali.

Modalità d'esame
Durante il semestre sono previste prove in itinere, la cui media concorre a determinare la valutazione conclusiva in fase di consuntivazione.

Si sottolinea che il risultato del percorso progettuale non è la sommatoria delle prove in itinere (e quindi non coincide con la media matematica) ma l'esito di un percorso di maturazione dove lo studente può dare prova di una crescita e di un arricchimento personale.


Bibliografia
Risorsa bibliografica obbligatoriaCelaschi, F., Deserti A.,, Design e innovazione , Editore: Carocci editore, Roma, Anno edizione: 2007
Note:

Ulteriori indicazioni verranno fornite in corso d'anno

Risorsa bibliografica obbligatoriaAntonella Penati (a cura di), E' il design una narrazione?, Editore: Mimesis Edizioni, Milano-Udine, Anno edizione: 2013
Risorsa bibliografica obbligatoriaAltre indicazioni bibliografiche verranno fornite nel corso dell'anno

Software utilizzato
Nessun software richiesto

Mix Forme Didattiche
Tipo Forma Didattica Ore didattiche
lezione
58.0
esercitazione
32.0
laboratorio informatico
0.0
laboratorio sperimentale
15.0
progetto
0.0
laboratorio di progetto
15.0

Informazioni in lingua inglese a supporto dell'internazionalizzazione
Insegnamento erogato in lingua Italiano
Disponibilità di libri di testo/bibliografia in lingua inglese
Possibilità di sostenere l'esame in lingua inglese
Disponibilità di supporto didattico in lingua inglese

Note Docente
schedaincarico v. 1.6.9 / 1.6.9
Area Servizi ICT
21/10/2021