logo-polimi
Loading...
Risorse bibliografiche
Risorsa bibliografica obbligatoria
Risorsa bibliografica facoltativa
Scheda Riassuntiva
Anno Accademico 2004/2005
Facoltà Scuola di Architettura e Società
Insegnamento 024416 - LABORATORIO DI COSTRUZIONE DELL'ARCHITETTURA 1
  • 072992 - PROGETTAZIONE DI ELEMENTI E SISTEMI
Docente Tartaglia Andrea
Cfu 1.50 Tipo insegnamento Modulo Di Corso Strutturato

Corso di Studi Codice Piano di Studio preventivamente approvato Da (compreso) A (escluso) Nome Sezione Insegnamento
Arc - Urb - Cost (1 liv.)(ord. 509) - MI (1105) SCIENZE DELL'ARCHITETTURA***AZZZZA024416 - LABORATORIO DI COSTRUZIONE DELL'ARCHITETTURA 1

Programma dettagliato e risultati di apprendimento attesi

Obiettivo formativo del Laboratorio è promuovere negli studenti la capacità di governare il sistema di relazioni che lega, nel processo di configurazione dell’architettura, materiali, elementi costruttivi, tecniche esecutive, esigenze ambientali e funzionali, vincoli normativi, caratteristiche del contesto. In questa prospettiva, le attività organizzate all’interno del Laboratorio sono finalizzate all’apprendimento, all’approfondimento e alla sperimentazione, attraverso l’azione progettuale, delle conoscenze di base necessarie al dimensionamento degli spazi ed alla loro definizione tipologico-distributiva ed al controllo delle principali opzioni relative al sistema ed agli elementi tecnologici, sotto il profilo morfologico, dimensionale, funzionale e del dettaglio costruttivo. Gli studenti saranno condotti in un graduale processo di acquisizione e di applicazione degli strumenti metodologici e operativi necessari per lo sviluppo del progetto inteso nella sua dimensione di realizzabilità costruttiva. Attraverso esercitazioni guidate finalizzate all’acquisizione di adeguate capacità di analisi e sintesi, verranno sviluppati approfondimenti riferibili ai seguenti aspetti del progetto: -interpretazione di progetti e realizzazioni di valore paradigmatico, approfonditi nel rapporto tra materiali, tecniche esecutive, contesti produttivi e nella relazione che lega i principi costruttivi al linguaggio architettonico; - individuazione e assunzione di un sistema articolato di vincoli (esigenziali, ambientali, normativi, strutturali, costruttivi,ecc.) quale materia del progetto; -definizione e selezione delle alternative spaziali e tecno-tipologiche in relazione al rapporto tra esigenze, requisiti e prestazioni; -configurazione del dettaglio costruttivo, indagato nella sua dimensione materica, come strumento di attuazione dell’architettura e di verifica della realizzabilità; - corretta rapprentazione del progetto alle diverse scale, nei suoi diversi livelli di approfondimento in relazione alle differenti esigenze di conoscenza, comunicazione e verifica. L’esperienza di progetto è applicata a un organismo edilizio di piccole dimensioni “a complessità controllata”, destinato a residenza. Il tema dell’abitazione appare infatti particolarmente funzionale alle finalità didattiche del Laboratorio, per la sperimentazione di approcci prestazionali orientati al rapporto esigenze-requisiti, con riferimento a cate-gorie spaziali e tecnologiche relativamente complesse, governabili dallo studente anche a partire dalla sua dimensione esperenziale, e al tempo stesso propedeutiche rispetto alle attività progettuali previste per gli anni successivi. La docenza si farà carico di predefinire alcune variabili del tema progettuale, predisponendo supporti e materiali didattici che semplificano, sintetizzano e rendono immediatamente fruibili gli esiti di alcune fondamentali attività di indagine e analisi, per consentire agli studenti di concentrare il loro impegno sul processo di interpretazione, configurazione, valutazione e decisione. In particolare saranno predefinite le variabili relative a: - il contesto fisico di intervento; - il contesto socio-economico di riferimento; - le esigenze della committenza; -i vincoli normativi alla scala edilizia; -i vincoli distributivi dettati dalla presenza delle principali categorie di impianti; -i principi costruttivi legati alle proprietà e ai comportamenti dei diversi materiali; - il repertorio tecnico a disposizione.  Il corso si avvale dei contributi della disciplina caratterizzante di Progettazione di sistemi costruttivi (Massimiliano Nastri) e degli apporti integrativi di Progettazione di elementi e sistemi (Andrea Tartaglia) e di Progettazione di elementi e sistemi (Capolongo Luca).  Il Laboratorio assume come obiettivi la trasmissione delle conoscenze poetiche e tecniche e l’insegnamento del sapere pragmatico per l’elaborazione del progetto di architettura nello scenario professionale contemporaneo. Su questa base, l’attività didattica si struttura intorno alle metodologie di integrazione analitica e operativa tra la composizione architettonica, le procedure esecutive e alcuni paradigmi strategici del processo tecnologico (approccio esigenziale-prestazionale, fattibilità, componibilità, sostenibilità). L’elaborazione progettuale è svolta attraverso una intensa attività esercitativa guidata dalla docenza, secondo le modalità di un “laboratorio artigianale” finalizzato alla modellazione e alla materializzazione simulata di interventi edilizi di diversa dimensione e destinazione d’uso, collocati in contesti reali e impostati in accordo ai principali vincoli urbanistici ed edilizi. L’attività esercitativa si delinea come procedimento conoscitivo ed esperenziale e come ambito di applicazione delle fasi di pianificazione dell’opera architettonica: questa è studiata quale insieme di sistemi e componenti considerati nelle loro interazioni strutturali, fisiche e connettive, mediante l’approfondimento delle interfacce tecniche e delle sequenze di assemblaggio. Inoltre,  ’elaborazione progettuale si combina alla disamina dei metodi rappresentativi necessari a visualizzare e ad anticipare l’effettiva previsione realizzativa, attraverso la redazione di documenti grafico descrittivi per il controllo, la verifica e la comunicazione dei contenuti produttivi e costruttivi.


Note Sulla Modalità di valutazione
Per quanto riguarda l’organizzazione didattica, obiettivo della docenza è predisporre, sulla base della gradualità delle acquisizioni, un cronoprogramma di attività diversificate, che consenta a tutti gli allievi di seguire un percorso formativo guidato, scandito da verifiche in itinere, a conclusione del quale sia possibile per lo studente acquisire i 10 crediti formativi corrispondenti al Laboratorio. Le attività didattiche comprendono: - lezioni di inquadramento teoricotematico, di esplicazione dei supporti didattici forniti, di impostazione delle esercitazioni e di guida alle attività di studio e ricerca svolte autonomamente dagli studenti; - esercitazioni metaprogettuali e progettuali, da svolgere in aula secondo diverse modalità (lavori singoli, di gruppo, ex tempore); -lavori di ricerca e di approfondimento tematico svolti dagli studenti extra aula con l’impostazione e la supervisione della docenza; - eventuali seminari e/o visite in cantiere; -gli esiti delle esercitazioni, dei lavori di ricerca e la rendicontazione delle eventuali attività seminariali forniscono materiali per le valutazioni in itinere.

Bibliografia

Baffa M., Gresleri G., Mioni A., Molina C., Pizzi E., Strumenti per il progetto.

La casa, Editrice Compositori, Bologna, 2000.

Frampton K., Tettonica e architettura. Poetica della forma architettonica, Skira, Milano, 1999. Quaroni L., Progettare un edificio. Otto lezioni di architettura, Mazzotta,Milano 1977.

Nardi G., Tecnologie dell’architettura. Teorie e storia,Milano, Libreria CLUP, 2001.

Rossi P. O., La costruzione del progetto architettonico, Laterza, Bari, 1996.

Torricelli M.C., Del Nord R., Felli P., Materiali e tecnologie dell’architettura, Laterza, Bari 2001.

La conoscenza e la consultazione della manualistica di settore costituiscono inoltre un indispensabile supporto per lo sviluppo delle attività esercitative di progetto.

Si indicano tre testi, considerando basilare la preparazione attraverso gli appunti (col supporto di disegni manuali) e prevedendo di fornire i riferimenti teorici e operativi specifici rispetto ai temi trattati durante le lezioni e le esercitazioni:

Edward Allen, Fundamentals of Building Construction,Wiley & Sons, 19902

(tr. it. di G. Palumbo, I fondamenti del costruire, McGraw-Hill, Milano, 1997).

Massimiliano Nastri, Technítes. Elaborazioni didattiche sul progetto esecutivo, Libreria Clup,Milano, 2002.

Nicola Sinopoli, Valeria Tatano, a cura di, Sulle tracce dell’innovazione. Tra tecniche e architettura, Angeli,Milano, 2002.


Mix Forme Didattiche
Tipo Forma Didattica Ore didattiche
lezione
8.0
esercitazione
6.0
laboratorio di progetto
9.0

Informazioni in lingua inglese a supporto dell'internazionalizzazione
Insegnamento erogato in lingua Italiano

Note Docente
schedaincarico v. 1.6.5 / 1.6.5
Area Servizi ICT
20/06/2021