logo-polimi
Loading...
Risorse bibliografiche
Risorsa bibliografica obbligatoria
Risorsa bibliografica facoltativa
Scheda Riassuntiva
Anno Accademico 2004/2005
Facoltà Scuola di Ingegneria dei Sistemi
Insegnamento 075615 - LOGISTICA INTEGRATA
Docente Perego Alessandro
Cfu 10.00 Tipo insegnamento Monodisciplinare

Corso di Studi Codice Piano di Studio preventivamente approvato Da (compreso) A (escluso) Insegnamento
Ing Ind - Inf (2 liv.)(ord. 509) - CO (174) INGEGNERIA GESTIONALE* AZZZZ075615 - LOGISTICA INTEGRATA
072468 - GESTIONE INTEGRATA DEI RAPPORTI CLIENTE-FORNITORE

Programma dettagliato e risultati di apprendimento attesi

Obiettivi

Il  Corso si propone di fornire agli allievi le metodologie di analisi ed i criteri base per la  progettazione e la  gestione  integrata della supply chain. Allo scopo, l’approccio  seguito è di tipo bottom up, ossia disegnare la supply chain, ed in particolare la sua struttura distributiva, a partire dalle esigenze dei clienti, con l’obiettivo di minimizzare i costi complessivi del sistema nel rispetto dei  vincoli  e delle regole in tema di responsabilità sociale (tutela  dell’ambiente, condizioni di lavoro, etc.).  

In quest’ottica, i contenuti del corso, oltre ad alcuni approfondimenti volti ad integrare la preparazione  di base acquisita nel corso di “Logistica industriale B” della laurea di primo livello,  affrontano  tematiche di più ampio respiro,  quali l’assetto dei sistemi distributivi, l’outsourcing delle attività  logistiche, l’impatto delle nuove tecnologie (e-logistics), la gestione ecoefficiente dei prodotti a fine vita (Reverse Logistics)..

 

Programma delle lezioni e delle esercitazioni

1.      Il Supply Chain Management come visione integrata della catena logistica. Il ruolo della Supply Chain nella strategia dell’impresa: la valenza competitiva del Supply Chain Management. L’evoluzione delle Supply Chain: modelli e best practice nei principali settori. Il ruolo organizzativo della funzione Supply Chain e la sua evoluzione: il posizionamento nell’organigramma, i differenti profili dei Supply Chain Manager, le competenze, ecc. L’analisi e la misura delle performance della funzione Supply Chain. La gestione integrata della Supply Chain “interna”: integrazione tra logistica “classica”, customer service, gestione del credito, gestione della domanda, ecc. La gestione integrata della Supply Chain “esterna”: i progetti di integrazione e collaborazione nella filiera

2.      La pianificazione integrata della filiera logistica. I metodi per la riduzione della distorsione della domanda lungo la filiera distributiva (Bullwhip Effect). L’integrazione informativa: modelli, benefici presupposti. Modelli innovativi di pianificazione: Continuous Replenishment Programs (CRP) e Vendor Managed Inventory (VMI). Collaborative Planning Forecasting and Replenishment (CPFR).

3.      I rapporti “evoluti” cliente-fornitore. L’approccio ECR. Analisi dei progetti di integrazione del sistema distributivo produzione-distribuzione. L’integrazione del ciclo dell’ordine. I progetti di razionalizzazione della filiera distributiva: accorpamento corrieri, multi-pick e multi-drop. I progetti di ottimizzazione degli imballaggi. I progetti di integrazione informativa.

4.      La progettazione e gestione del sistema distributivo. Tipologie di reti distributive (mono e multilivello, Hub and Spoke, strutture miste; depositi/transit point multifornitore/multicliente). Criteri di allocazione dei depositi centrali e periferici: modelli strategici e metodi quantitativi di supporto alle decisioni. La distribuzione dei beni di largo consumo. Il trasporto merci nella distribuzione locale e sulle lunghe distanze (multimodale, intermodale, combinato). I costi diretti ed i  costi “sociali” del trasporto merci. La gestione delle flotte di veicoli. La programmazione delle prese e delle consegne (routing). Criteri di progettazione e gestione dei centri distributivi. Politiche di gestione operativa dei centri distributivi. Modellistica e metodi quantitativi di supporto alla progettazione ed alla gestione. L’allestimento ordini (picking, sorting, consolidamento). Supporti tecnologici. Metodi di progettazione.

5.      L’impatto delle nuove tecnologie dell’ICT sui processi di supply chain. Le tecnologie ICT tradizionali: Erp e sistemi gestionali, pacchetti di Supply Chain Planning, Edi, ecc. Gli strumenti per l’integrazione della Supply Chain: le applicazioni di data exchange e di master data alignment. Gli strumenti per la collaborazione nella Supply Chain: le applicazioni di monitoraggio della supply chain e di pianificazione collaborativi. Gli strumenti per la tracciabilità: le applicazioni di identificazione automatica (sia tradizionale che basate sulle nuove  tecnologie RFID). Gli strumenti di eProcurement (i cataloghi Web, la gestione della richiesta di acquisto, l’automazione del ciclo ordine-consegna-fatturazione) di eSourcing (le aste inverse di acquisto ed i sistemi di richiesta di offerte e quotazioni (Rfx)).

6.      L’out-sourcing delle attività logistiche. Tipologie di operatori logistici. Criteri di scelta degli operatori logistici. Strumenti di controllo del servizio erogato. Analisi delle esigenze, definizione degli obiettivi e dei relativi indicatori di prestazione;  stesura del capitolato;  valutazione delle offerte e scelta del fornitore; verifica  dei costi/delle prestazioni  nel tempo e adozione degli interventi conseguenti.

7.      Il controllo delle prestazioni della Supply Chain. Rilevazione e analisi dei costi logistici. Reporting; misura e controllo della produttività delle attività logistiche. Benchmarking delle prestazioni e dei costi logistici. Il servizio al cliente: gli indicatori di fidelizzazione del cliente. La misura della qualità del servizio percepita (QPS) e della qualità  rilevata (Vendor Rating) dal cliente. Criteri quantitativi di valutazione e selezione dei fornitori. Posizionamento dell’azienda sulla matrice costo-livello di servizio e scelte strategiche conseguenti.

 

Attività di laboratorio

Le lezioni verranno integrate da esercitazioni applicative di tipo quantitativo, spesso svolte in aula informatizzata, da visite a  importanti realizzazioni logistiche (centri distributivi; piattaforme intermodali, etc.),  da seminari con la presentazione di testimonianze e la discussione di casi aziendali. E’ prevista la possibilità di svolgere elaborati  in piccoli gruppi, su temi proposta dagli allievi o assegnati dal tutor accademico.

 

Prerequisiti

E’ opportuno che gli allievi dispongano delle conoscenze di un corso base di “Logistica” o di “Gestione dei Sistemi Logistici e Produttivi”.

 


Note Sulla Modalità di valutazione
Sono previste due prove scritte, rispettivamente a metà ed a fine corso, eventualmente integrate da una prova orale. Durante le normali sessioni, l'esame consiste invece in una prova scritta integrata obbligatoriamente dall'orale. Il contenuto delle esercitazioni costituisce parte integrante del programma d'esame. Gli eventuali elaborati svolti nell'ambito del corso formeranno oggetto di valutazione in sede di esame. L’iscrizione agli appelli deve essere effettuata tassativamente via Poliself.

Bibliografia

Bibliografia consigliata

R. Ruggeri, A. Perego: “Esercizi e temi d’esame di Logistica", CUSL Ed., Milano

Ballou, R. H., “Business logistics management”, Prentice-Hall, 1999.

Coyle J.J., Bardi E.J, Langley C.J: “The Management of Business Logistics”, West Publishing Company,   1996.

Christopher, M., “Logistics and Supply Chain Management”, Financial Times Professional Limited, 1998.

Stock, J.R., Lambert D.M., “Strategic Logistics Management”, McGraw-Hill Higher Education, 2000.

Tompkins, J.A., Harmelink, D.A., “The Distribution Management Handbook”, McGraw-Hill., 1994.

 

Altro materiale didattico

Il materiale  didattico utilizzato a lezione e nelle esercitazioni verrà reso disponibile sul sito del corso "LOGISTICA INTEGRATA" presente sul Sistema Corsi On Line del Centro METID Politecnico di Milano. ( http://corsi.metid.polimi.it/ ). L'accesso al materiale è riservato agli allievi iscritti al corso e registrati sul METID.

 


Software utilizzato
Nessun software richiesto

Mix Forme Didattiche
Tipo Forma Didattica Ore didattiche
lezione
60.0
esercitazione
20.0
laboratorio informatico
15.0
laboratorio sperimentale
0.0
laboratorio di progetto
15.0

Informazioni in lingua inglese a supporto dell'internazionalizzazione
Insegnamento erogato in lingua Italiano
schedaincarico v. 1.6.8 / 1.6.8
Area Servizi ICT
21/09/2021