logo-polimi
Loading...
Risorse bibliografiche
Risorsa bibliografica obbligatoria
Risorsa bibliografica facoltativa
Scheda Riassuntiva
Anno Accademico 2004/2005
Facoltà Scuola di Architettura Civile
Insegnamento 025307 - ANALISI DELLA MORFOLOGIA URBANA E DELLE TIPOLOGIE EDILIZIE
Docente Pierini Orsina Simona
Cfu 4.00 Tipo insegnamento Monodisciplinare

Corso di Studi Codice Piano di Studio preventivamente approvato Da (compreso) A (escluso) Nome Sezione Insegnamento
Arc - Urb - Cost (1 liv.)(ord. 509) - BV (1109) ARCHITETTURA DELLE COSTRUZIONIC1 AZZZZ025307 - ANALISI DELLA MORFOLOGIA URBANA E DELLE TIPOLOGIE EDILIZIE
C2 AZZZZ025307 - ANALISI DELLA MORFOLOGIA URBANA E DELLE TIPOLOGIE EDILIZIE
C3 AZZZZ025307 - ANALISI DELLA MORFOLOGIA URBANA E DELLE TIPOLOGIE EDILIZIE

Programma dettagliato e risultati di apprendimento attesi

Obiettivi formativi

Il corso introduce lo studente alla tradizione dell'architettura della città.

Obiettivo del corso è indagare il rapporto che si è stabilito nel tempo tra forma delle città e la costruzione dell'architettura.

Saranno analizzate le modalità secondo cui il progetto architettonico risulta interprete di questo rapporto, a partire da determinate forme di città.

 

Contenuti dell'insegnamento

Il corso, semestrale, affronterà in modo cronologico il rapporto tra la morfologia urbana e le tipologie edilizie, a partire dalle città antiche greche e romane fino alla città contemporanea.

Verranno innanzi tutto introdotti i criteri utili a guardare questo rapporto, verificando la sua origine in una riflessione teorica sul progetto che vede il nostro lavoro sulla città attuale in continuità con la storia e la tradizione dell'architettura.

In questo senso la sequenza cronologica risulta essere solo un pretesto. Ogni lezione di tipo storico-generale sarà infatti affiancata dalla discussione su uno o più progetti d'architettura contemporanea che ne compongono una declinazione in casi particolari, come i lavori di Mies, Le Corbusier o Kahn, ma anche i progetti più recenti di Grassi, Moneo, Siza e altri.

Ogni volta saranno presentati quei progetti che hanno saputo stabilire una relazione con l'idea di città descritta ed esemplificata nella lezione, interpretandone una volta il tessuto edilizio, altre volte il valore di monumento o il rapporto con il piano, altre volte ancora il linguaggio o la scala.

Le città della storia vengono viste come modelli diversi di forme urbane e, di conseguenza, analizzate anche per lo specifico rapporto che stabiliscono di volta in volta con alcune tipologie edilizie: lo spazio pubblico della città greca, gli edifici pubblici e la residenza nella città romana, il palazzo rinascimentale, la permanenza della corte, gli ampliamenti neoclassici delle città medievali, solo per citarne alcuni esempi.

Nello svolgimento del corso si evidenzierà dunque la complessità dei modi in cui la tipologia si inserisce nella morfologia urbana, ma nello stesso tempo saranno evidenziate quelle ipotesi di lettura del rapporto tra forma e tipo che sono diventate nel tempo strumenti del progetto.

 

Struttura didattica

Lezioni ex cathedra.


Analysis of Urban Morphology and Building Typologies

 

 

The course introduces the student to the tradition of the architecture of the  city. Objective of the course is to inquire the relationship established in the time between the morphology of the city and architecture, beginning from determined shapes of city in the history, from the ancient greeks and roman cities until the contemporary.

At first we will introduce the criteria useful to watch this relationship, verifying its origin in a theoretical reflection on the architecture that sees our actual work on the city in continuity with the history and the tradition of architecture.

We will look at the cities in the history as city shapes and themes, as the public space in the greek city, the publics buildings in the roman cities or the permanence of the idea of the court.

Every historical lesson will be followed by examples of contemporary architecture that rely in the design with this idea of city.

The didactic structure is made of lessons ex-cathedra, during a semester.

 

Bibliography

A. Rossi, L’architettura della città, Milano 1987; C. Martí Arís, Le variazioni dell’identità, Milano 1990; P. Panerai, J. Castex, J. Depaule, Isolato urbano e città contemporanea, Milano 1981; S. Giedion, Spazio, tempo ed architettura, Milano 1954.

 


Note Sulla Modalità di valutazione
La frequenza al corso è fondamentale. I temi trattati, infatti, dovranno essere riordinati in ogni lezione con schizzi e disegni. La qualità dei materiali e la conoscenza degli argomenti trattati saranno verificate nel corso dell'anno. In sede d'esame verrà richiesto allo studente di saper riconoscere e disegnare gli esempi oggetto delle lezioni, e discuterne i temi critici.

Bibliografia

Viene indicata una bibliografia di base. A. Rossi, L'architettura della città, Padova 1966, Milano 1987; C. Martí Arís, Le variazioni dell'identità, Milano 1990; G. Grassi, I progetti, le opere e gli scritti, Milano 1996; P. Panerai, J. Castex, J. Depaule, Isolato urbano e città contemporanea, Milano 1980; C. Martí Arís, Silenzi eloquenti, Milano 2002; S. Giedion, Spazio, tempo ed architettura, Milano 1954.

Maggiori approfondimenti bibliografici accompagneranno le lezioni.


Software utilizzato
Nessun software richiesto

Mix Forme Didattiche
Tipo Forma Didattica Ore didattiche
lezione
36.0
esercitazione
24.0
laboratorio informatico
0.0
laboratorio sperimentale
0.0
laboratorio di progetto
0.0

Informazioni in lingua inglese a supporto dell'internazionalizzazione
Insegnamento erogato in lingua Italiano

Note Docente
schedaincarico v. 1.6.8 / 1.6.8
Area Servizi ICT
21/09/2021